Giornalista del Times: La CIA appoggia i miei rapitori in Siria

 

cia-Anthony-Lloyd

Un giornalista britannico rapito in Siria nel 2014, ha rivelato che è stato rapito dai ribelli sostenuti dalla CIA
In un articolo pubblicato ieri, Anthony Lloyd, giornalista del Times che ha coperto il conflitto in Siria, ha annunciato di aver recentemente riconosciuto che lo ha sparato e rapito in un video dove si mostra i ribelli “appartenenti ad un gruppo sostenuto dalla CIA.”

Secondo Lloyd, il rapitore lo prese in ostaggio accusandolo di spionaggio a favore della CIA, ma, nel rivedere questo video, si è reso conto che la stessa persona stava lavorando per la CIA all’interno dell’organizzazione dei ribelli siriani.

Durante la sua cattura, il giornalista ha subito un colpo alla gamba e il suo collega Jack Hill è stato duramente colpito, si legge sul quotidiano britannico.
Entrambi i giornalisti sono stati rilasciati in seguito per ordine di un comandante ribelle locale.

“Mi ha sparato in mezzo alla folla, dopo avermi picchiato selvaggiamente, accusandomi di essere una spia della CIA. Ora, a quanto pare, lavora per lei”, ha spiega Lloyd, notando che gli sparò per due volte da “distanza ravvicinata” mentre lui era legato.

Inoltre, il giornalista britannico ha riferito che questa persona apparteneva a uno dei gruppi armati appoggiati dagli USA e presumibilmente hanno combattuto con i terroristi dell’ISIS (Daesh in arabo) in Siria.

Fonte: Hispantv – – l’antiplomatico



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -