Turchia, Bosforo: è italiano il ponte sospeso più largo del mondo

 

bosforo

Il Ponte Yavuz Sultan Selim, il terzo ponte sul Bosforo e il ponte sospeso piu’ largo al mondo, sara’ inaugurato venerdi’ 26 agosto a Istanbul dal presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan. Lo riferisce un comunicato del ministero dei Trasporti di Ankara, ricordando come la struttura, lunga 1,4 chilometri e larga 59 metri, sia stata completata, in anticipo, e realizzata dal gruppo italiano Astaldi in joint venture con l’azienda turca Ic Ictas.

Il ponte Yavuz Sultan Selim ospita un’autostrada a otto corsie e due linee ferroviarie, che collegano l’Anatolia con la regione di Marmara. Il sistema ferroviario del ponte sara’ integrato con le linee metropolitane di Marmaray e Istanbul per collegare i due aeroporti internazionali Ataturk e Sabiha Gokcen con il terzo aeroporto. L’infrastruttura e’ stata progettata dalla Swiss T-Engineering in collaborazione con il noto “maestro dei ponti”, Michel Virlogeux, gia’ progettista del Ponte Vasco da Gama a Lisbona, uno dei piu’ lunghi d’Europa, e del Ponte della Normandia in Francia, che fino al 1999 e’ stato il ponte sospeso piu’ lungo al mondo. Sul ponte Yavuz Sultan Selim e’ inoltre presente una torre di 322 metri, la piu’ alta al mondo su un ponte sospeso. (AGI)



   

 

 

1 Commento per “Turchia, Bosforo: è italiano il ponte sospeso più largo del mondo”

  1. SOLO IN tALIA SAPPIAMO FARE LE CATTEDRALI DEL DESERTO E MAZZETTE.!!!- CROLLA TUTTO PERSINO LA MORALE SOCIALE.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -