Giornalisti, perché non pubblicate gli sms minacciosi di Renzi? Le avete le palle?

 

Che Renzi avesse tendenze autoritarie era noto, perlomeno a chi, sin dall’inizio, non si è lasciato accecare dal suo eloquio scoppiettante ma quel che sta succedendo in Rai supera ogni limite. Il premier si è appropriato dalla tv pubblica, che vuole trasformare nel megafono del proprio regime.

E non c’è solo la Rai nel mirino. Renzi è talmente sfacciato da minacciare con telefonate e sms i giornalisti che osano criticarlo. Ne parla Carlo Freccero in questa intervista ad Anna Maria Greco. Leggete questi passaggi:

Molti pensano che il problema per Renzi sia proprio l’informazione in vista del referendum costituzionale d’autunno. E così spiegano le nuove nomine.

«Sì lo credo anch’io. Io ho vissuto l’epoca dell’editto bulgaro di Berlusconi, ma lui aveva contro avversari duri come Santoro, Luttazzi… Aveva qualche motivo. Adesso, invece, basta pensarla appena diversamente dal capo perché ti facciano fuori».

Per questo l’informazione Rai dev’essere controllata?

«Questi non vogliono che nemmeno si appaia in video se non si è d’accordo con loro. Michele Anzaldi si arrabbia se solo interviene uno dell’opposizione, se non si dà risalto al premier che inaugura la falsa Salerno-Reggio Calabria. Ho visto gli sms di Renzi, c’è da vergognarsi. Ma c’è chi non ce la fa più di fronte alle imposizioni in Rai di Anzaldi, che fanno perdere voti al Pd».

La Berlinguer dava molto fastidio?

«Pensa un po’… Dava solo spazio a tutti, ma il fatto di dare la parola anche agli oppositori di Renzi evidentemente appariva intollerabile».

Ecco: gli sms di cui vergognarsi. Cari colleghi, perché non li tirate fuori? Il segreto di Pulcinella, nella nostra professione, è che le pressioni dello spin doctor di Palazzo Chigi Filippo Sensi e le minacce violentissime e intimdatorie del premier sono ricorrenti. Come si comporta Sensi, l’ho spiegato in questo filmato, citando un ottimo articolo de Il Fatto quotidiano

Ogni tanto qualcuno trova il coraggio di parlarne. Ad esempio Alessandro Sallusti ha rivelato che

Con Renzi avevo un ottimo rapporto, quasi confidenziale. Poi abbiamo scritto una cosa che non gli piaceva, mi ha chiamato, mi ha riempito di insulti e mi ha detto che mi sarebbe venuto sotto casa a spaccarmi le gambe.”

Nicola Porro ha ricevuto un messaggino: “Non star tranquillo, Nicola”. E poco dopo Virus è stato cancellato.

Ma si tratta di rivelazioni occasionali. Di solito i giornalisti incassano e tacciono. Si sfogano con i colleghi ma lasciano all’oscuro i propri lettori, per ragioni facilmente comprensibili. L’ottimo Freccero quegli Sms li ha visti. Ed è inorridito.

Cari giornalisti, tacere non è più possibile in democrazia. Abbiate coraggio e pubblicateli, quegli sms. Non ci vuole molto: basta uno screenshot.

Le avete o no, le palle?

Temo di conoscere la risposta.

Marcello Foa — il giornale

Renzi e il referendum: arruolato il solito esercito di Troll del Pd



   

 

 

1 Commento per “Giornalisti, perché non pubblicate gli sms minacciosi di Renzi? Le avete le palle?”

  1. Non entro in merito ai fatti.- In Italia è cosi tutto falso e bugiardo da premi Oscar-
    Cristo venne messo in croce dai falsi bugiardi ipocriti. … (Per non commettere errori lo vogliono togliere di mezzo) … ecc.. tutti immacolati, caritatevoli con chi gli viene a dare una mano… … ecc…

    Mi meraviglia che RENZI (Il pupillo : chiù meglio assai migliore di calandrino) trovi il tempo da leggere gli Post – internet. e fare seguito.!) Ecco come mai l’italia và a ballodole. Spreca il suo tempo nel P.C. con i nostri denari.!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -