Strage Nizza, sconcertante: la magistratura ordina di distruggere le prove

 

La magistratura francese ha ordinato al comune di Nizza di distruggere tutte le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza la notte dell’attentato.

strage-nizza-camion

Come? Non è possibile…

E’ stata la mia prima reazione. Ma è tutto vero. Parola del Figaro, che ne dà notizia e pubblicando un documento (lo vedete sotto) che è autentico è stato confermato dalla magistratura che ha giustificato il provvedimento sostenendo che si devono evitare diffusioni incontrollate di immagini che possano ledere la dignità delle vittime o che possano essere usate a fini propagandistici dai terroristi.

strage-nizza

Una giustificazione risibile: quelle immagini non sono pubbliche. Da notare che subito dopo l’attentato la direzione dell’antiterrorismo SDAT aveva inviato inviato dei server supplementari per archiviare le 30mila ore di filmati registrati quel giorno. E’ lo stesso SDAT che però ora ne sollecita la distruzione.

Il Figaro scrive che

IL giorno dopo il dramma sulla Promenade des Anglais alcuni ufficiali della polizia giudiziaria erano venuti per identificare la posizione delle telecamere. Un primo rapporto era stato inviato al ministero dell’Interno. Curiosamente proprio queste telecamere sono oggetto della richiesta dello SDAT

Gli inquirenti sono sconcertati. Cito ancora il Figaro:

E’ la prima volta che ci chiedono di distruggere delle prove, precisa una fonte vicina all’inchiesta

Già, stanno distruggendo delle prove. Perché? L’ottimo Pino Cabras su Gli Occhi della Guerra ne parla evidenziando anomalie anche riguardo l’inchiesta del Bataclan.

Ma rimaniamo a Nizza. Mettete in fila le ultime rivelazioni di stampa:
Paris Match rivela che in quella zona il divieto di circolazione di camion è assoluto e permanente ma ha potuto girare liberamemte, compiendo anche manovre strane tali da attirare l’attenzione. Nessuno lo ha fermato né multato.

Libèration, come scritto ieri ha dimostrato le bugie del governo sui posti di controllo all’inizio della zona pedonale.

Ora la rivelazione del Figaro, la più clamorosa e incomprensibile.

Davvero incomprensibile. Troppo incomprensibile.

PS Aggiornamento importante.
Il quotidiano Nice Matin scrive che il Comune di Nizza si rifiuta di cancellare le immagini. L’avvocato del Comune, Philippe Blanchetier, annuncia che il Comune non solo denuncerà il decreto ingiuntivo che ha ricevuto, ma che si appresta anche a chiedere al procuratore di Nizza di sequestrare queste immagini “al fine di non compromettere eventuali altre procedure che possano emergere al di là delle indagini anti-terrorismo attuali”.

Una città si rivolta contro lo Stato centrale. Dice no a un’ingiustizia. Senza precedenti!

Marcello Foa – - il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -