La marcia di Angelo: “Respinto dalle Parrocchie di Roma, lo dirò al Papa”

ROMA – In marcia per il reddito di cittadinanza e per il lavoro. Angelo De Vitiis, il disoccupato partito da Livorno il 27 giugno, e’ arrivato a piazza Montecitorio dove ha incontrato la capogruppo dei Cinque Stelle Laura Castelli.

 

De Vitiis, in rappresentanza di 33mila disoccupati livornesi, chiede alla politica di approvare una misura di sostegno al reddito per tutti i disoccupati e a papa Francesco un interessamento diretto alla causa di chi e’ senza lavoro. La sua marcia ha toccato tredici tappe, intervallate da un giorno di riposo. E grazie all’aiuto del Vescovo di Livorno Monsignor Giusti, durante il suo cammino Angelo, accompagnato dal nipote diciannovenne, e’ stato ospitato nelle parrocchie a cui ha bussato. Soltanto le parrocchie romane, spiega De Vitiis all’agenzia Dire, si sono rifiutate di aiutarlo.

“Rappresento tutti i disoccupati di Livorno, ma attraverso il cammino che ho fatto, posso dire di rappresentare tutti i disoccupati d’Italia. Ho chiesto udienza a Papa Francesco. Da Livorno a Roma tutte le parrocchie mi hanno ospitato, tranne quelle di Roma. E dire che ne ho girate diverse. Mi hanno lasciato in mezzo alla strada, e vorrei che questo papa Francesco lo sappia”.

DIRE.IT



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -