Scoop: la Banca d’Italia investe in azioni Fiat e specula sullo SP500 USA

 

bankitalia

di Fabio Lugano

Gli USA sono uno Stato in cui le leggi e regolamenti sulla borsa e gli obblighi informativi sono presi con serietà. Violare questi obblighi significa andare incontro a pesanti sanzioni, anche penali.

Una delle dichiarazioni obbligatorie più diffuse si chiama “FORM 13F”, che deve essere compilato da chi acquista o vende azioni sul mercato americano. Le informazioni del modulo vengono poi rese pubbliche dal sito della SEC , la Security and Exchange Commission, dove è possibile verificare gli investimenti effettuati.

Abbiamo fatto qualche ricerca ottenendo alcuni risultati clamorosi che richiederebbero spiegazioni. Cercando nel database il modulo 13F relativo alla BANCA D’ITALIA (verificato controllando poi l’indirizzo fisico del dichiarante, Via Nazionale 91 , Roma) abbiamo ottenuto questo:

SEC2  vedi immagine >>>

Vediamo meglio cosa possiede la Banca d’Italia sul mercato azionario USA.

sec3  vedi immagine >>>

AZIONI: La Banca d’Italia possiede sul mercato americano 50 milioni in azioni CNH NV, cioè la controllata del gruppo FCA nel settore macchine agricole ed operatrici, con sede legale nei Paesi bassi. Quindi possiede 28 milioni in azioni Ferrari, la cui sede legale si è trasferita nei Paesi Bassi e quindi 55 milioni in azioni FCA, la casa madre Fiat Chrysler, sempre con sede nei Paesi Bassi. Perchè la Banca d’Italia ha investito 130 milioni di dollari in azioni solo della sola FIAT/FCA? Quale motivo ha spinto una banca centrale a mettere una cifra così elevata su un singolo gruppo, che tra l’altro ora corrisponde le tasse in altri stati comunitari?

ETF ed altri titoli: La Banca d’Italia ha acquistato ben 949 milioni di dollari in Ishares, un ETF dei fondi Blackrock che investe in titoli quotati allo SP500. Un ETF che in un anno ha reso solo lo 0,40%. Ishare è trattato anche in Italia, ed esiste anche in ETF Ishares su Borsa Italiana.

ishares   vedi immagine >>>

Quindi vi è un investimento per 333 milioni di dollari in un altro fondo, il VANGUARD Index Fund.

vanguard index  vedi immagine >>>

Si tratta di un altro fondo legato ai titoli quotati sullo e SP500. Anche questo fondo l’anno scorso ha avuto una redditività non elevatissima, addirittura inferiore al Benchmark di riferimento. Insomma un fondo piuttosto mediocre.

Ci sorgono alcune domande:

a) Perchè la Banca d’Italia, un istituto che dovrebbe perseguire finalità pubbliche di controllo e sorveglianza del credito e di gestione della moneta investe nelle azioni industriali di un singolo gruppo industriale? Banca d’Italia possiede anche partecipazioni in altri gruppi industriali italiani?

b) Perchè Banca d’Italia possiede ETF che investono in titoli dello Standard&Poor’s 500? Perché specificamente questi due fondi? Perchè lo Standard&Poor’s e non l’indice di Borsa Italiana? Quest’investimento nasce da Palazzo Koch, è frutto di un accordo internazionale oppure ha altre motivazioni? Tra l’altro l’investimento sul SP500 risulta molto rischioso, almeno secondo le previsioni future sull’indice azionario USA.

SP 500 Forecast/previsioni 2016   >>>>

Speriamo che la Banca d’Italia ci fornisca spiegazioni adeguate a queste sue scelte che rischiano di avere ricadute sui suoi bilanci ed alle quali non troviamo spiegazioni oggettive. Non comprendiamo quali siano i collegamenti fra la funzione pubblica dell’istituto e questi investimenti.

Comunque “Stay Tuned”, perchè presto vi forniremo altre interessanti informazioni!

scenari economici



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -