Aosta: raid islamico contro ristorante pakistano “non servite cibo ai cristiani”

 

Un gruppo di marocchini, di età fra i 20 e i 30 anni, ha organizzato, circa due settimane fa, una ‘spedizione punitiva’ al ristorante pakistano Himalaya di Aosta, intimando ai titolari di non servire cibo agli occidentali cristiani e di non vendere alcoolici.

Come riporta valledaostaglocal.it, alle proteste dei commercianti, i marocchini hanno danneggiato il ristorante, rompendo il registratore di cassa e alcuni arredi. Mentre uno dei giovani è stato successivamente fermato dalla polizia e condotto in questura, un altro sarebbe tornato all’Himalaya minacciando i titolari di dar fuoco al locale se avessero sporto denuncia.

Non contento, avrebbe telefonato ad altri giovani e si sarebbe ripresentato di fronte al locale con altre quattro persone. Sull’accaduto indagano polizia e carabinieri, e intanto interviene la Lega Nord Valle d’Aosta, che in una nota esprime “stupore, rabbia e preoccupazione in riferimento all’aggressione a sfondo islamista”.

I vertici locali del Carroccio considerano “vergognose, incivili ed assolutamente censurabili le parole espresse ai danni del ristoratore, invitato a ‘non dare da mangiare ai cristiani’ e a ‘non vendere alcool’ in quanto musulmano, così come i danneggiamenti al ristorante e le minacce subite in seguito all’intervento delle Forze dell’ordine”. La Lega Nord sta ora organizzando “un’iniziativa volta a stigmatizzare un atto barbaro, incivile e indegno di convivenza con il popolo valdostano”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -