Un viaggio nelle carceri italiane

EURONEWS – Girando per la prigione scorgiamo detenuti piuttosto anziani. Non sappiamo cosa abbiano fatto per essere qui, ma ci domandiamo se la prigione sia davvero il posto adatto a loro.

Il problema è che non ci sono abbastanza strutture per accogliere chi non abbia un alloggio adatto ai domiciliari. E dunque restano in cella. Dice la direttrice Fontana:

Siamo diventati il raccoglitore di tutto quello che non si vuole vedere fuori, quindi tutto quello che non si vuole vedere fuori viene portato in carcere, necessariamente. Quindi i malati psichiatrici, gli anziani, gli indigenti…tutte quelle situazioni un po’ critiche, che poi noi abbiamo difficoltà a gestire perché non è la nostra missione.

Usa: Senzatetto deportati in ghetti, senza permesso di uscita

carcere-malati

Qui la condizione delle carceri francesi – stesso problema >>>

Malgrado alcuni nuovi progetti siano partiti, rinnovare tutto appare arduo, anche se lo Stato spende 3 miliardi all’anno per l’esecuzione della pena.

E nel passato di soldi ne sono stati sprecati anche un bel po’. La prigione di Spinazzola, per esempio, è stata aperta e quasi subito chiusa. E sono stati fatti investimenti fino alla fine, malgrado la prevista chiusura, ci dice Federico Pilagatti, il dirigente sindacale locale del Sappe , uno dei sindacati della polizia penitenziaria:

Erano stati appena spesi oltre 200mila euro per offrire ai detenuti qui presenti tutta una serie di attività che non sono state più poste in essere per la chiusura dell’istituto

700 km più a nord, a Revere, vicino Mantova, ecco un istituto che non hanno neanche finito di costruire. Oggi sta cadendo a pezzi ed è inutilizzabile. Il sindaco di Revere Sergio Faioni ce lo fa visitare:

La costruzione, globalmente, allo stato in cui si trova, è costata circa 2 milioni e 500 mila euro. Purtroppo si tratta naturalmente di un grande sperpero, perché in queste condizioni che non si può utilizzare, è evidente che sono soldi dei contribuenti spesi male, spesi molto male.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -