Furti nei cimiteri: recuperate 70 statue e 30 quintali di bronzo, tre arresti

 

furto-cimitero

Milano – Sono state arrestate tre persone, recuperate settanta statue e oltre trenta quintali di manufatti in bronzo, pronti per essere fusi. E’ il risultato di un’attività intrapresa dai carabinieri del Comando provinciale di Milano per contrastare il fenomeno dei furti nei cimiteri nell’ambito delle province di Milano e Monza.

In particolare i militari della Compagnia di Corsico hanno notato un furgone Renault Master in transito nell’area industriale di Buccinasco (Mi) e hanno deciso di procedere ad un controllo. Il conducente, un cittadino romeno, in Italia senza fissa dimora, disoccupato e pregiudicato, non ha ottemperato all’alt e ne è quindi scaturito un breve inseguimento, conclusosi due chilometri dopo, in via Azalee, dove il malfattore è stato raggiunto e immobilizzato, dopo una reazione violenta contro i militari.

L’uomo era alla guida di un veicolo risultato rubato a Milano e la ricostruzione dei suoi movimenti ha permesso di rintracciare il capannone di una ditta locale, attiva nel commercio di metalli e recupero di rottame, all’interno della quale sono stati rinvenuti diversi bancali, contenenti sessanta statue di bronzo e altri manufatti con immagini sacre e funerarie. Il malfattore romeno e il titolare della ditta, un italiano originario dell’hinterland milanese, sono stati tratti in arresto. Si stanno sviluppando accertamenti per determinare l’esatta provenienza della refurtiva.

milanotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -