Bambina di tre anni trovata morta, arrestato il compagno della madre

 

Un  cittadino serbo è stato arrestato e trasferito in carcere al Don Bosco; è il compagno della madre della bambina di tre anni morta in casa ieri sera a Calambrone, frazione balneare di Pisa. L’uomo, un serbo di 33 anni, già segnalato per furto, è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti e lesioni nei confronti sia della piccola, sul corpo della quale erano presenti evidenti ecchimosi e tumefazioni, sia di sua madre.

La donna è stata sentita a lungo in ospedale dove è ricoverata in stato di choc e ha confermato il comportamento violento dell’uomo, che avrebbe respinto le accuse, ma su di lui gravano molteplici indizi a cominciare dai segni sul corpo della piccola che sarebbero compatibili, secondo il medico legale, con le percosse subite anche se solo l’autopsia potrà stabilire con certezza se la piccola è deceduta in seguito alle violenze. La bimba era nata da una precedente relazione tra la madre e un italiano, residente in Liguria. La donna è in attesa di un secondo figlio dal nuovo compagno.

Ecchimosi e tumefazioni che potrebbero essere riconducibili a percosse e anche a cinghiate. Ma per capire le cause del decesso della bambina di tre anni, morta ieri in un alloggio fatiscente ricavato in una ex pizzeria abbandonata al Calambrone, sul litorale pisano, gli investigatori attendono le risposte dall’autopsia. Non è ancora chiaro se l’esame necroscopico si svolgerà oggi o bisognerà attendere domani. Stamani il pm che coordina le indagini dei carabinieri, Giancarlo Dominijanni, ha conferito l’incarico al medico legale Alessandro Bassi Luciani che potrebbe eseguire l’esame già nel pomeriggio o al più tardi domani mattina.

L’inchiesta vede impegnati i militari del nucleo investigativo dell’Arma di Pisa che all’alba di oggi hanno arrestato il compagno della mamma della piccola, un 33enne serbo, Tonino Krstic, con l’accusa di maltrattamenti e lesioni nei confronti sia della piccola che della donna. Dall’autopsia gli inquirenti aspettano di sapere se quelle botte che l’uomo avrebbe inferto possono essere state, oppure no, la causa del decesso della bambina che avrebbe avuto anche qualche problema di salute. Se davvero il 33enne risultasse aver provocato la morte, nei suoi confronti l’accusa si trasformerebbe quasi certamente in omicidio preterintenzionale. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -