Così Mattarella ci farà bombardare dagli americani per liberarci dal nazi-fascismo

 

di Eriprando Sforza

Accusato da mia madre di essere incinto, sabato scorso ho deciso di vincere la mia proverbiale pigrizia e di tentare una lunga camminata nell’illusorio tentativo di sgonfiare la pancia sempre più strabordante. Ho preso la linea gialla e sono uscito a Dergano, deciso di farmi a piedi tutto il tragitto da lì a Piazza della Scala.

E’ un bello spaccato di Milano, sempre dritto verso Sud, una piccola deviazione e si arriva alla tanto decantata Isola, si passa sotto il Bosco Verticale di Stefano Boeri (qualcuno comincia ad accusarlo di avere riempito la sua costruzione di piante solo per occultarne l’aspetto da casermone popolare) e poi si arriva al grattacielo Unicredit con l’ascensore che ti porta sparato fino al trentesimo piano, ma per passare da questo al trentatreesimo se ne deve prendere un altro, riservato a pochissimi eletti, qualcuno mi aiuti con la numerologia… ci si lascia alle spalle la nuova Milano e si viene accolti da quella vecchia, un tempo addirittura popolare: Corso Garibaldi. ancora due passi e si arriva a Piazza della Scala, ma questa è la città che vedo tutti i giorni e che i non milanesi possono intuire dai servizi televisivi. In realtà mi interessava il tratto da Dergano all’Isola, con gli appartamenti che costano ancora oggi più di 3 mila euro al metro quadro.

Ebbene, sembrava di essere al Cairo. A parte qualche sparuto pensionato, in giro c’erano solo arabi. L’unico contatto con l’Italia erano un paio di mega manifesti elettorali nei pressi dell’uscita della metro su cui campeggiava il faccione di Matteo Salvini che prometteva sicurezza. Da Dergano a Piazza della Scala ci sono circa sette chilometri. I primi quattro sono Egitto allo stato puro. Poi si arriva all’Isola, che nonostante tutto conserva ancora qualche tratto popolare (da vecchia Milano, però) e le cose cambiano. Qui abitano i ricchi.

milano-islam

Ma una volta arrivato a Piazza della Scala ecco la sorpresa. Risprofondo in pieno Egitto. Le bandiere dello Stato arabo garriscono al vento. I manifestanti non sono numerosi, come potete vedere dal video, ma l’oratore, un giovanotto con la barba d’ordinanza, dice che ci stanno guardando cinquanta milioni di persone su al-Jazeera. Il suo italiano è perfetto, dice di essere nostro concittadino e sicuramente lo è, però tiene molto anche all’Egitto e infatti ci tiene molto a dire una cosa al presidente al-Sisi: “Farai la stessa fine di Gheddafi”.

Ho il sospetto che l’oratore faccia parte dei Fratelli musulmani, non ho chiesto e comunque il giovanotto ha avuto la cortesia di ringraziare le nostre forze dell’odine che li proteggono durante le manifestazioni. Perché racconto questo? Forse perché il giorno seguente al primo turno delle elezioni presidenziali in Austria si è piazzato in testa Norbert Hofer del Partito della Libertà, definito dalla stampa mainstream di estrema destra anti immigrati. Il tutto mentre Barack Obama sbarca in Germania e loda l’Angela Merkel per la sua politica sui rifugiati, assicurandole che è “dalla parte giusta della storia”. Dopo le lusinghe, però, il capo della Casa Bianca ha anche detto alla cancelliera tedesca che sarebbe bene approvare entro la fine dell’anno il trattato transatlantico di libero scambio, il Ttip, in modo che lo si possa firmare prima della scadenza del suo mandato (forse Obama ha paura che il suo successore sia Donald Trump, che ha promesso di farne carta straccia).

Allo stesso tempo il settimanale Der Spiegel rivela che la Merkel auspica che l’Austria chiuda il valico di frontiera del Brennero, impedendo così che la prossima ondata di migranti in arrivo in Italia possa raggiungere la Germania. C’è qualcosa che non quadra: Obama vuole che l’Europa accolga i profughi delle guerre da lui provocate, la Merkel spalanca loro le porte, ma questo ha come conseguenza il successo in Austria di un partito definito anti immigrati (qualcuno se ne stupisce?) e in fondo alla cancelliera tedesca la cosa non dispiace perché il muro per difendere la Germania dalle invasioni barbariche ci penseranno i cugini del sud a costruirlo. Lasciando gli italiani nella cacca.

Ancora una volta la Grecia ha indicato il nostro destino. Isolata geograficamente dall’area Schengen, la repubblica ellenica è costretta a sorbirsi tutti i nuovi arrivi. E l’Italia sta per subire la stessa sorte. Con l’aggravante che nel nostro caso non è la geografia, ma sono le decisioni politiche degli altri Paesi dell’area a relegarci nel ghetto. Dove metteremo coloro che con l’imminente bella stagione sbarcheranno in massa sulle nostre coste? A occhio e croce a Dergano e dintorni di spazio ne è rimasto ben poco. A meno che non prosegua l’avanzata araba verso sud.

Dio mio, il Bosco Verticale rischia di essere circondato! E se alle prossime elezioni politiche (quando ci saranno) la reazione degli italiani fosse simile a quella degli austriaci? La cosa farebbe certo dispiacere a Obama (che c’entra, qualcuno si illude che andremo a votare prima della fine dell’anno?), o meglio, a Hillary Clinton, che di sicuro un po’ di bombe nei Paesi arabi ne vuole tirare ancora. Tanto c’è l’Italia che i profughi li accoglie.

Almeno fino a quando Matteo Renzi occuperà Palazzo Chigi. Ma se poi vincessero davvero i cattivi? Per fortuna c’è il presidente Mattarella, che continua ad auspicare la perdita di sovranità del’Italia e quindi non avrà il minimo scrupolo a chiedere i bombardamenti umanitari statunitensi per salvarci dal nuovo nazi-fascismo e farci firmare il Ttip.

scenari economici

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Così Mattarella ci farà bombardare dagli americani per liberarci dal nazi-fascismo”

  1. Condivido le ansie sollevate dall’articolista, ma mi sia permessa qualche piccola puntualizzazione: il colore della pelle, la provenienza geografica, la eziologia fenomenica della transumanza dei popoli più che trentennale – particolarmente nel sud Europa – la caratteristica prevalentemente maschile, sono chiari indicatori di cause tutt’altro che belliche, con la eccezione di una parte, percentualmente minima, di Siriani.

    Obama vorrebbe il Ttip alla firma, per portarsi casa, con la sua pensione, almeno una vittoria, oltre alla medaglia di “latta” al cavalierato “Nobel-iare” prematuramente assegnatogli e mai portato a giusta maturazione.

    Che in Austria ci sia una forte presa di coscienza e posizione, rispetto al fenomeno “invasivo”, non può che essere accolto come buon auspicio che qualcosa “pur si muove”. È evidentemente tutto da valutare…Ma che la problematica debba essere poi etichettata “di destra” ed ancor più, “estrema”, a me non sta bene, perchè ritengo che vi sia un abuso ideologico. Qualcuno potrebbe obiettarmi un pregiudizio politico-ideologico, ma io rispondo che sarebbe una obiezione lecita, se non fosse del tutto ” fuori campo”. La risposta all’addebito è molto semplice, e segue così:
    Le destre e le sinistre, di stampo romantico-illuminista e di hegelismo-marxiano, sono due categorie oppositive che hanno fatto il loro tempo con il post-industrialesimo e l’avvio della automazione e del digitale. Non vado oltre perchè questo non è lo spazio adatto. Le classi antagoniste proletariato-capitalismo, non esistono più, e la morte della politica, con la confusione delle reciproche ideologie oramai consolidatasi in una ibrida casta autoreferenziale distaccata da una massa di “cittadini” non più popolo, lo conferma. Dunque, perchè volere ancora riportare la politica di “fenomenologie” sociologiche, antropologiche, come quella Immigratoria, e non solo, a categorie del tutto inesistenti? Che cosa significa questa resuscitazione artificiale di una mappa politica oramai morta e seppellita e dunque priva di ideologie se non che i propri interessi di autoreferenzialità, peraltro coloniale…?

    Non è forse il problema dell’invasione immigratoria una grande problematica che riguarda tutti i popoli europei, e in particolar modo le masse enormemente maggioritarie dei cittadini più diseredati ed indifesi? Allora come la mettiamo con gli strati popolari e dunque più fragili delle società occidentali, ieri di sinistra, ed oggi all’opposizione? E già, perchè con l’Austria, ma certamente parimenti sarebbe se consultati, per la maggioranza degli italiani, come dei greci, spagnoli, portoghesi, tedeschi, svedesi, norvegesi, tedeschi, e così via, si invera una profonda preoccupazione della cittadinanza europea, in tutte le sue espressioni nazionali, che è chiaramente gestita per ordine e a favore di categorie oramai parapolitiche e governate da una casta anglo-giudaico-americana che ha nelle proprie mani le loro vite, tasche e coscienze!

    Come la mettiamo con questa cosiddetta “sinistra” di governo che ha ribaltato completamente nei numeti e nelle idealità e nell’esercizio del Potere, i suoi illustri predecessori marxiani?

    A chi è funzionale questa ri-suddivisone e rianimazione delle antiche ideologie della sinistra e della destra?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -