Dipartimento neuroscienze: non tollerare neanche una ”canna”

 

cannaLa droga, anche quella cosiddetta leggera, “crea sempre un calo della percezione dell’intelligenza. Non e’ necessariamente l’uso prolungato a fare danni, basta anche la canna del week end. E questo lo devono capire prima i genitori e poi i figli”. Lo dice chiaramente Federico Vigevano, direttore del Dipartimento di neuroscienze e neuroriabilitazione dell’ospedale Bambino Gesu’ di Roma, che conosce a fondo il problema dilagante dell’abuso di sostanze stupefacenti tra i giovani. E’ infatti il fondatore di un gruppo di lavoro tra l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e il Dipartimento per le Politiche Antidroga, per l’individuazione precoce delle situazioni di vulnerabilità e dei familiari a rischio.

“Noi – spiega Vigevano – cerchiamo di lavorare sui ragazzi, attraverso le famiglie prima, perche’ se tra gli adulti non c’e convinzione che la droga, anche la leggera, distrugge la vita non si argina il dilagante fenomeno che crea la morte di tantissime vite innocenti”.

Secondo il neuropsichiatra , di droga nelle famiglie italiane se ne parla poco, cosi’ come si fanno poche campagne di informazione sui danni: “desta preoccupazione in tal senso anche il numero di ricoveri per uso di sostanze al Pronto Soccorso del Bambino Gesu’: su 350 accessi un terzo ha come causa o concausa l’abuso di droghe, anche quelle cosiddette leggere (cannabinoidi)”. Un aiuto ai genitori per capire se i figli usano droghe puo’ venire dai sintomi manifestati: “se un ragazzo mostra cali di attenzione, sonnolenza, ma sopratutto se c’e una costante richiesta di denaro, ai genitori deve scattare immediatamente il campanello di allarme, perche’ il tempo medio che intercorre tra l’inizio dell’assunzione di droghe e la diagnosi, e quindi l’eventuale trattamento, e’ in media di 6 anni per la sua conclusione”.

L’immediatezza dell’intervento sin da bambini e’ uno dei punti chiave sul quale insiste il neuropsichiatra: “E’ ormai noto che i bambini con sindrome di iperattività, deficit di attenzione o i bimbi con atteggiamento di sfida nei riguardi genitori, – conclude Vigevano – hanno una predisposizione in più rispetto ad altri a fare uso e abuso di sostanze stupefacenti, quindi prima si interviene prima si risolve il problema”.(ANSA).

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -