L’ultima farsa di Obama: “Non avevo un piano per il dopo Gheddafi”

 

obamaWashington – Chiamato ad indicare quale sia stato il suo “più grande errore” negli 8 anni trascorsi alla Casa Bianca, Barack Obama non ha dubbi: “Non aver avuto un piano per cosa fare in Libia” dopo l’attacco con le forze Nato nel 2011 che portò alla caduta di Muammar Gheddafi e al caos successivo in cui ha trovato terreno fertile Isis.

Obama: in Libia abbiamo sbagliato, Regno Unito e Francia alleati “scrocconi” degli Usa

“Marciume a Washington, la più grande minaccia per la pace e la vita sulla terra”

Gheddafi-mortoIn uno stralcio dell’intervista concessa alla rete conservatrice e a lui più ostile, la Fox News di Rupert Murdoch, Obama difende in sé l’intervento (cui peraltro fu spinto, riluttante – alla Casa Bianca venne coniata l’espressione “leading from behind”, “guidare da dietro le quinte” – dalle insistenze dell’allora presidente francese Nicolas Sarkozy e del premier britannico David Cameron).

“Era la cosa giusta da fare” dice Obama, contraddicendo quanto affermato appena lo scorso mese in una lunga intervista sulla “Dottrina Obama” in politica estera a The Atlantic in cui sostenne che fu “un errore” intervenire in Libia. Obama disse che “aveva sbagliato ad avere troppa fiducia nel fatto che gli europei (il riferimento è a Sarkozy e Cameron, ndr), vista la vicinanza con la Libia, si sarebbero impegnati di più nel cosa fare dopo” i raid e la caduta del regime nel Paese che invece venne abbandonato a sé stesso. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -