L’ultima farsa di Obama: “Non avevo un piano per il dopo Gheddafi”

 

obamaWashington – Chiamato ad indicare quale sia stato il suo “più grande errore” negli 8 anni trascorsi alla Casa Bianca, Barack Obama non ha dubbi: “Non aver avuto un piano per cosa fare in Libia” dopo l’attacco con le forze Nato nel 2011 che portò alla caduta di Muammar Gheddafi e al caos successivo in cui ha trovato terreno fertile Isis.

Obama: in Libia abbiamo sbagliato, Regno Unito e Francia alleati “scrocconi” degli Usa

“Marciume a Washington, la più grande minaccia per la pace e la vita sulla terra”

Gheddafi-mortoIn uno stralcio dell’intervista concessa alla rete conservatrice e a lui più ostile, la Fox News di Rupert Murdoch, Obama difende in sé l’intervento (cui peraltro fu spinto, riluttante – alla Casa Bianca venne coniata l’espressione “leading from behind”, “guidare da dietro le quinte” – dalle insistenze dell’allora presidente francese Nicolas Sarkozy e del premier britannico David Cameron).

“Era la cosa giusta da fare” dice Obama, contraddicendo quanto affermato appena lo scorso mese in una lunga intervista sulla “Dottrina Obama” in politica estera a The Atlantic in cui sostenne che fu “un errore” intervenire in Libia. Obama disse che “aveva sbagliato ad avere troppa fiducia nel fatto che gli europei (il riferimento è a Sarkozy e Cameron, ndr), vista la vicinanza con la Libia, si sarebbero impegnati di più nel cosa fare dopo” i raid e la caduta del regime nel Paese che invece venne abbandonato a sé stesso. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -