Cantone: “Sanità, terreno di scorribande per delinquenti di ogni tipo”

 

Penso che la sanità, per l’enorme giro d’affari che ha intorno, non può essere sottovalutata ed è un terreno ‎di scorribande per delinquenti di ogni tipo. Abbiamo comunque una sanità che assicura standard elevatissimi, ma la corruzione abbassa anche il livello dei servizi“. A dirlo il presidente dell’Autorità nazionale anti-corruzione Raffaele Cantone, in occasione dell’incontro ‘Curiamo la corruzione’ a Roma.

cantone

“Sui numeri sarei molto cauto – dice riferendosi alle cifre relative alla corruzione in sanità – ma credo però che vi sia un problema molto significativo, sia di sprechi sia di fatti corruttivi. ‎Siamo intervenuti mettendo in campo un nuovo piano anticorruzione concordato anche con i tecnici del ministero della Salute e prossimamente firmeremo un altro protocollo per andare a controllare come i piani anticorruzione vengono applicati dalle singole Asl. Non si può intervenire solo con la repressione, ma mettendo in campo una serie di strumenti preventivi che cambino la mentalità”.

“La corruzione si è trasformata – continua – e la mazzetta tradizionale è rimasta un ricordo. Nel nostro piano anticorruzione abbiamo indicato come una delle maggiori criticità le liste di attesa. Sarebbe bello se potessero essere trasparenti, ma sappiamo che è difficile perché ci sono in ballo i valori della privacy. Però dobbiamo intervenire, fatti come quello di Salerno mi inquietano”.

“La sanità – ribadisce – è ai primi posti per il rischio di corruzione con un trend stabile, e abbiamo provato a mettere in campo strumenti nuovi col ministero della Salute, provando a individuare gli snodi problematici e gli strumenti su cui intervenire. Le liste di attesa sono fra questi snodi, anche le imprese farmaceutiche, come la gestione delle sale mortuarie. Proveremo a dare delle indicazioni e stiamo per firmare un nuovo protocollo che consentirà di verificare se le Asl stanno facendo davvero quello che è previsto nelle linee guida anticorruzione. Dobbiamo fare squadra e far capire che queste battaglie non sono nostre ma di tutti, una sanità senza corruzione potrà rendere più sostenibile il Ssn. La corruzione non si vince solo con gli arresti, ma con una rivoluzione culturale”.

“Abbiamo previsto una serie di meccanismi di controllo – spiega Cantone – perché certi correttivi possano rendere più difficile i meccanismi corruttivi. Il nostro compito è quello di rendere la corruzione oggettivamente più complicata e soprattutto di provare a creare anche all’interno del settore della sanità gli anticorpi necessari negli operatori e anche ovviamente negli utenti. Non è giusto dire che tutta la sanità è corrotta, perché non è affatto vero”.

“In che tempi ci aspettiamo un cambiamento reale? In tempi oggettivamente non brevi – avverte Cantone – Noi però proveremo soprattutto a capire se le nostre indicazioni vengono recepite. Troppo spesso, soprattutto le aziende sanitarie, le vedono come scocciature burocratiche, ma non lo sono, perché probabilmente se messe bene in campo possono essere davvero utili a evitare eventi corruttivi. Ma bisogna crederci, perché se si parte già con l’idea che tutto sommato non serve a nulla, questo può diventare un comodo alibi. Noi allora vogliamo controllare – conclude – perché vogliamo far capire che questa è la strada giusta”. ADNKRONOS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -