Non si sentono francesi, giocatori scelgono la patria dei genitori o dei nonni

 

Francia-giocatori

I giocatori della Francia non si sentono Francesi. Non bastano una due, tre o anche quattro generazioni per sentirsi figli di un’altra Patria. Non è nulla di particolarmente strano, è solo una realtà da accettare togliendosi il velo immigrazionista dagli occhi. I bis-nipoti degli emigrati italiani in America si vantano ancora di avere origini italiane, è un legame che non si spezza, che non puoi distruggere semplicemente imparando un’altra lingua o accettando abitudini e cultura del Paese in cui vai a vivere, a prescindere dai benefici ricevuti.

Gli immigrati francesi di seconda e terza generazione lo stanno dimostrando ampiamente. Lo ius soli è inutile. Nessuno straniero diventa francese o italiano perché lo dice un pezzo di carta.

E’ la nazionale in fuga. Dalla Francia che perde i pezzi. Magari non sempre pregiati, ma comunque di qualità. Come scrive la Gazzetta, è la nazionale dei giocatori nati in Francia ma che poi scelgono la patria d’origine, dei genitori o nonni per brillare magari ai Mondiali, agli Europei o in Coppa d’Africa con altri colori. Ed è anche una squadra che sulla carta potrebbe ipoteticamente mettere in difficoltà chiunque.

Un fenomeno, quello dei giocatori che voltano le spalle ai Bleus, che periodicamente solleva dibattiti anche politici, sull’attaccamento dei giovani di origine straniera, magari di seconda o terza generazione, a un Paese comunque ricco di potenziali campioni. L’ultimo a tradire Deschamps è stato l’esterno Boufal del Lilla che ha scelto il Marocco della mamma, del suo ex allenatore Renard. Un mese dopo il collega di spogliatoio Benzia che ha preferito l’Algeria…

Lo ha spiegato benissimo la Kyenge in questo video in cui al minuto 2, 20 dice: “Pur vivendo in Italia mi sento africana ed ‘anche’ italiana”. “Ai figli dobbiamo cercare di trasmettere la cultura dei nostri paesi

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -