Aids: poca prevenzione e migranti, una potenziale bomba infettivologica

 

aidsTorna l’allarme Aids. Una vera e propria allerta. Maria Rita Gismondo, direttrice del laboratorio di Microbiologica clinica, Virologia e bio-emergenza dell’Ospedale Sacco di Milano, spiega in un’intervista ad Affaritaliani.it le dimensioni di questa che sembra avere le dimensioni di un’epidemia. “C’è una grande allerta e preoccupazione ma in realtà legata al crollo della sensibilità generale verso questa malattia. Un calo di attenzione dovuto a un traguardo positivo della medicina stessa e a una scarsa attenzione anche da parte dei media. La credenza popolare è che non si muore più di Aids ma questo non è vero. E’ vero che si muore molto meno, ma ci sono tantissimi decessi dovuti alle conseguenze delle lunghe terapie che vengono magari annoverati come morti di tumore o di altre malattie e non si dice che la causa primaria è proprio l’Hiv”.

Quei malati fantasma di Hiv: in Italia il virus silenzioso contagia 11 persone al giorno

Forte disinformazione – La dottoressa spiega come ormai non si parli più di Aids come un tempo. “Molte importanti campagne sono state frenate da ideologie filosofiche o religiose che guardano male tutto ciò che è prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. La parola “preservativo” in Italia non si può nemmeno pronunciare… ma bisogna farlo con forza, a meno che non si voglia pretendere la castità”. La dottoressa snocciola dati che sono davvero preoccupanti: “Solo in Lombardia tra il 30 e il 50% del totale dei pazienti positivi all’Hiv non sa di esserlo. Questo ha ovviamente una ricaduta negativa importantissima, perché queste persone possono potenzialmente continuare a contagiare altre persone con rapporti non protetti“.

Lombardia, Lazio e Campania hanno il tasso più alto di Hiv positivi. Quando il giornalista le chiede se c’è un legame con i flussi migratori, lei risponde: “Purtroppo sì, un buon 25% della popolazione infetta rientra tra gli immigrati, soprattutto quelli più difficilmente controllabili e che difficilmente accedono alle terapie seguite con una certa disciplina. Il grosso problema è nei centri di accoglienza dove viene fatta poca campagna preventiva e pochi controlli. Bisognerebbe fare screening approfonditi, controllarli e informarli sulla prevenzione dal contagio, favorito dalla promiscuità di questi centri. Serve una forte campagna informativa perché ci troviamo di fronte a una potenziale bomba infettivologica”.  LIBERO



   

 

 

1 Commento per “Aids: poca prevenzione e migranti, una potenziale bomba infettivologica”

  1. L’industria farmaceutica ha bisogno di vendere i farmaci che sono venduti a peso d’oro. Certamente gli immigrati aiutano ad aumentare il loro business.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -