Turchia, rabbia di Erdogan: non accetto la sentenza che ha liberato i giornalisti

 

 

Ha accolto con rabbia la scarcerazione dei giornalisti decisa dalla Corte Costituzionale: il presidente turco Erdogan, in partenza per l’Africa, ha commentato la tregua in Siria e la scarcerazione dei due giornalisti, Can Dündar ed Erdem Gül, che lui stesso aveva accusato di violazione del segreto di Stato e appoggio al terrorismo.

Sono stati rilasciati dopo che la Consulta aveva deciso che i loro diritti erano stati violati, e parlava di violazioni alla libertà d’espressione.

Erdogan non è d’accordo: “La Corte Costituzionale – ha detto il Presidente – può anche aver preso una decisione come questa, devo accoglierla in silenzio. Ma non per questo la devo accettare, non sono d’accordo e non la rispetto”, ha aggiunto, e ha ulteriormente commentato la sentenza dicendo che la vicenda non c’entra nulla con la libertà d’espressione, e che si tratta di un caso di spionaggio.

I due giornalisti, direttore e caporedattore di Cumhurriyet (un giornale vicino all’opposizione), avevano pubblicato un servizio su un carico d’armi spedito dai servizi segreti turchi verso la Siria. Ora attendono a piede libero il processo che inizierà il 25 marzo, e nel quale rischiano l’ergastolo. euronews

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Turchia, rabbia di Erdogan: non accetto la sentenza che ha liberato i giornalisti”

  1. Erdogan manda armi, rifornimenti, truppe… ai tagliagole islamici, ma a finire in galera per “appoggio al terrorismo” sono i giornalisti che lo denunciano.
    Erdogan fa pienamente parte dell’Impero della Menzogna ecco perchè Renzi vuole questo suo simile in U.E.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -