Monza: ragazzi aggrediti a bottigliate e cinghiate, arrestati stranieri

Monza, ragazzi aggrediti alla stazione: due stranieri arrestati

Erano appena usciti dalla stazione di Monza e stavano camminando alla volta di via Carducci quando cinque persone li hanno circondati e hanno iniziato a colpirli con “armi” di fortuna che avevano con sè.

Due ragazzi di vent’anni, residenti a Lissone, nella notte tra sabato e domenica sono stati aggrediti in via Arosio nel capoluogo brianzolo poco dopo la mezzanotte. Qualcuno ha sferrato un sonoro e violento schiaffo al volto di una delle vittime mentre un altro aggressore ha colpito al viso l’altro malcapitato con una bottiglia di vetro. Per completare l’opera poi ha estratto una cinghia dalla tasca e l’ha usata contro il giovane.

Nonostante fossero stati circondati e picchiati i ragazzi sono riusciti a scappare via velocemente prima che i malviventi tentassero di mettere le mani su quanto i due avevano con sè. Immediatamente è partita una richiesta di aiuto al commissariato di Polizia di Stato di Monza che si è subito attivato per rintracciare i responsabili grazie alla descrizione ricevuta dalle vittime. Mentre i giovani venivano medicati sul posto da un’ambulanza del 118, i poliziotti sono riusciti a fermare e arrestare due dei responsabili in via Buonarroti.

In manette in seguito all’accaduto sono finiti un cittadino di 33 anni di origine marocchina residente a Copreno e un ragazzo di 22 anni originario del Vanezuela residente a Vimercate. Una delle due vittime, a causa di una ferita lacero-contusa dovuta alle botte, è stato trasferito all’ospedale San Gerardo di Monza in codice verde.

monzatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -