Lipsia: proteste pro e contro l’immigrazione “No ai rifugiati violentatori”

 

merkel-islamLegida chiama a raccolta i suoi a Lipsia, in Germania. Secondo la polizia si sono radunati circa 3 mila sostenitori del movimento contro l”slamizzazione dell’Europa. Tutti in strada contro le politiche di accoglienza dei migranti della Merkel agitando cartelli con scritto “No ai rifugiati violentatori”.

“Quello che ci ha fatto arrabbiare in questi ultimi mesi, settimane è il modo in cui le autorità hanno gestito la situazione dei migranti. Insieme a me, in molti altri temono che tutto questo avrà conseguenze negative”, spiega un dimostrante.

In contemporanea centinaia di contro-manifestanti xenofili hanno marciato attraverso la città tedesco-orientale di Lipsia per lanciare invece un appello alla “tolleranza e alla convivenza”. E anche per denunciare, dopo le violenze di Colonia, il rischio di percepire come pericolosi tutti gli stranieri.

“È importante non generalizzare ma è allo stesso modo necessario che tutti partecipino al processo di integrazione sociale. Tutto questo non va preso alla leggera ma è pericoloso generalizzare sulla base di azioni fatte da alcune persone”, dice una giovane inconsapevole.

È la Germania spaccata a metà che sfila in miniatura a Lipsia dove a dividere le due anime c‘è un cordone di polizia. Il successo, anche elettore, di Pegida rischia di travolgere la Merkel sempre più criticata anche all’interno del suo stesso partito. (con fonte euronews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -