Russia Insider: Le élite USA tentano di distruggere l’Europa usando gli immigrati

 

Su Russia Insider viene proposta una chiave di lettura molto razionale alla crisi europea dei migranti. Questo fenomeno, originato come effetto collaterale dall’interventismo occidentale in Africa e Medio Oriente, sembra essere voluto quanto l’obiettivo primario. Il flusso di disperati che si dirige verso il Vecchio Continente finirà per frammentare società già in difficoltà in modo da renderle sempre più in balia del solito “salvatore”, terrorizzato di perdere la sua attuale posizione di dominatore mondiale: gli Stati Uniti.  VOCI DALL’ESTERO

 profughi2

Di Robert Bridge, 20 dicembre 2015

 Dagli Stati Uniti all’Europa, le élite occidentali stanno permettendo ad un massiccio afflusso di stranieri di entrare nelle loro terre, trasformando radicalmente il volto delle società occidentali nel tentativo di dividere, conquistare ed espandere il loro dominio militare e finanziario a scapito di un pianeta ignaro.

Angela Merkel è stata anche nominata Time “Persona dell’anno” per aver guidato l’afflusso che minaccia di fare a pezzi l’Europa.

Tralasciando l’immagine creata dei media di un’Europa esageratamente disposta ad accogliere sciami di rifugiati nelle sue società conservatrici, la storia recente ci fornisce un quadro del tutto diverso. Già nel 2010, il cancelliere tedesco Angela Merkel, in risposta al crescente sentimento anti-immigrati, aveva suscitato scalpore in tutto il mondo quando aveva ammesso che gli sforzi per creare una società multiculturale in Germania erano “completamente falliti”.

Oggi, la Merkel sta canticchiando una melodia completamente diversa nel momento in cui un’ondata di rifugiati si abbatte sull’Europa da tutti gli angoli. Confidando nella memoria corta dell’elettorato, il leader tedesco ha steso un tappeto di benvenuto lungo il confine del suo paese, raccontando al mondo che la Germania è pronta ad accogliere più di 1 milione di nuovi arrivati – praticamente lo stesso giorno in cui 130 persone sono state uccise da un presunto attacco islamico fondamentalista a Parigi.

Parte del cambiamento nell’umore del pubblico riguardo la drammatica situazione dei profughi è venuto dalla tragica storia di Aylan Kurdis, il bambino siriano il cui corpo è stato trovato annegato lungo un litorale in Turchia dopo che la barca dove aveva viaggiato si era capovolta. Naturalmente, i super-consolidati media di proprietà delle multinazionali, che non si lasciano sfuggire nemmeno un momento tragico (e in particolare uno con un forte elemento visivo), hanno diffuso la storia su ogni prima pagina di giornale in tutta Europa. A dire il vero, si tratta degli stessi giornali occidentali che hanno ignorato le calamità causate ai bambini di tutto il Medio Oriente dagli attacchi della NATO a paesi sovrani come l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia e ora in Siria. Basta leggere il sottotitolo che accompagna il titolo in prima pagina del “Sun”: “Bombardare la Siria per Aylan”. Ecco come utilizzare la tragedia per propagandare l’obiettivo più brutto di tutti: la guerra.

Così, mentre il popolo europeo è costretto da una campagna mediatica incessante ad accogliere i rifugiati siriani pena essere etichettati neofascisti (una parola che pochi tedeschi possono tollerare in seguito allo straziante ricordo della Germania nazista, una memoria che i media non permetteranno mai che il popolo tedesco possa superare ), i profughi vengono magneticamente attratti verso l’Europa con la promessa di soldi facili e posti di lavoro disponibili. Nota: è stato dimostrato che la maggior parte dei nuovi arrivati ​​in Europa non vengono dalla Siria, ma piuttosto da altri luoghi devastati dalla guerra, come l’Afghanistan, l’Iraq e la Libia.

I rifugiati in Germania ricevono fino a 345 euro al mese da parte del governo, mentre in Svezia l’indennità mensile è fino a 224 €. Rispetto ai luoghi e alle situazioni da cui i profughi sono in fuga, questa tentazione del denaro gratis è praticamente impossibile da ignorare.

Questo caos è stato pianificato?

Mentre in superficie può sembrare che la crisi dei rifugiati ha colto i leader occidentali di sorpresa, in realtà fa tutto parte del loro piano per la dominazione globale, delineatosi in un documento dell’ormai defunto gruppo di neoconservatori americani conosciuto come Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano (PNAC).

Nel settembre 2000, il gruppo ha pubblicato un documento intitolato: ‘Ricostruire le difese dell’America – Strategia, Forze e Risorse per un Nuovo Secolo,’ in cui gente a cui il potere ha dato alla testa si rivela per quella che è, e ammette che il loro obiettivo è di far valere la potenza militare USA in tutto il mondo per rimanere la superpotenza suprema nel mondo.

Il PNAC individuò cinque nazioni ritenute “profondamente ostili all’America” ​​- Corea del Nord, Iraq, Iran, Libia e Siria (l’ex generale americano Wesley Clark ne ha aggiunti altri tre un po’ più tardi: il Libano, la Somalia e il Sudan). Non sorprende allora che due di questi cinque paesi abbiano già subito una occupazione/capitolazione guidata dagli Stati Uniti, mentre la Siria sta ancora riuscendo a sopravvivere, anche se solo grazie all’intervento militare della Russia.

Mosca sembra essere giunta alla conclusione corretta che lo Stato islamico è semplicemente un esercito delegato creato dagli Stati Uniti per distruggere le porte degli Stati sovrani.

A giudicare dal campo di applicazione di questi piani diabolici, è del tutto impossibile che gli Stati Uniti non potessero vedere bene in anticipo che un flusso di profughi disperati sarebbe presto fluito verso l’Unione Europea in cerca di sicurezza.

Ma ancora una volta, questo fa parte del piano generale che desiderano le élite degli Stati Uniti, altrimenti non starebbero spingendo così aggressivamente per i diritti degli immigrati clandestini oltre i diritti dei propri cittadini naturali nati.

Questo acquista senso se si considera il relitto assoluto che le élite occidentali hanno fatto dell’economia europea, con nazioni come la Grecia, l’Italia, il Portogallo e altri sull’orlo del fallimento totale, e sopravvissuti unicamente a causa di prestiti impossibili da restituire concessi dal FMI e dalla Banca Mondiale.

Vien voglia di pensare alla storia della vita colorata di Barack Hussein Obama – il primo presidente nero degli Stati Uniti di origine keniota, noto per avere opinioni forti sul modo in cui le minoranze sono state trattate nel presente e nel passato – e per usare queste opinioni come un motivo potente per il crollo dei confini nazionali in tutto il mondo, e ancor più scioccante negli Stati Uniti e nell’Unione Europea. In effetti, il magnate immobiliare Donald Trump ha praticamente chiuso la sua nomina per la candidatura presidenziale repubblicana con niente di più che la promessa di costruire un “gigantesca muro” che separi l’America e il Messico. Allora perché Obama non fa una promessa altrettanto semplice per spegnere la minaccia Trump una volta per tutte?

Anche se io credo che Obama sia predisposto sia per il suo colore della pelle sia per la sua storia di vita di mostrare solidarietà al dramma dei rifugiati e delle minoranze, ed è quindi meno incline a chiudere i confini americani, non credo che la corsa del presidente degli Stati Uniti possa spiegare tutto (anche se ha un modo meraviglioso di spaventare eventuali aspiranti critici per paura di essere di marca ‘razzista’). Il punto è che Obama sta recitando un copione che è stato scritto molti anni fa. Washington dipende troppo da troppi potenti, burattinai dietro le quinte per qualsiasi cosa accada per caso nel regno della politica degli Stati Uniti.

Secondo il sociologo tedesco Gunnar Heinsohn, entro la metà del 21 ° secolo milioni di migranti provenienti da Africa e Asia (950 milioni di loro vorrebbero già trasferirsi in UE) trascineranno l’Europa nel Medioevo. Allora non è esattamente questo quello che Barack Obama, un uomo con radici africane, voler raggiungere attraverso la sua politica estera?

Sbaglieremmo dando tutta la colpa ad Obama per la distruzione della civiltà europea, una volta orgogliosa (e ora appesa a un filo in pochi stati testardi, come la Russia, l’Ungheria e la Bielorussia). La colpa deve essere data al sistema diabolico che ogni leader americano è costretto ad accettare o a combattere una volta entrato nello Studio Ovale (John F. Kennedy è forse la prova migliore di ciò che accade a un leader degli Stati Uniti che cerca di essere un vero uomo e chiede un reale cambiamento).

Non possiamo più permetterci di farci illudere su ciò che sta realmente accadendo nel mondo di oggi. Gli Stati Uniti stanno distruggendo attivamente e intenzionalmente il vecchio tessuto della nazionalità – il collante che tiene insieme le culture e civiltà – in tutto il mondo, e non importa se lo stato è amico o nemico, cristiano o musulmano, ricco o povero.

Il piano finale è quello di distruggere qualsiasi omogeneità esistente e sostituirla con un sistema imperiale a guida USA che si basa sulla forza bruta per mantenere la “pace e l’ordine”.

Questo obiettivo è molto più facilmente raggiunto se le persone non hanno più assolutamente nulla in comune con i loro vicini. Il microcosmo di questo sistema demoniaco sta già funzionando a Main Street: negli USA, dove le forze di polizia locali ricevono in realtà armi di tipo militare da usare contro il popolo americano – mentre i confini nazionali rimangono aperti per assassini, stupratori e trafficanti di droga dal Sud America (!).

In Europa, lo stesso dramma sta avvenendo come un omicidio a sangue freddo in pieno giorno. Grazie alla politica estera sconsiderata dell’America, che è diventata assolutamente folle in seguito agli attentati terroristici dell’11 settembre, i paesi della NATO vengono trascinati impotenti in guerre nonostante l’indignazione pubblica e le proteste contro queste guerre illegali, che sono già accadute in Iraq, Afghanistan , Libia, e ora Siria – che hanno provocato – o presto provocheranno – il fallimento degli Stati colpiti.

Ma gli stati veramente falliti alla fine saranno le vecchie potenze coloniali europee, che si trovano in prima linea nello tsunami dei rifugiati provocato dagli Stati Uniti che ora si abbatte su tutto il continente, minacciando di inghiottire ogni città da Lisbona a Helsinki.

Questo sviluppo fa il gioco di Washington dato che il popolo europeo – sempre più terrorizzato dagli atti pre-pianificata di guerra, terrorismo e collasso finanziario – cercano un eroe che lo tragga in salvo. A quel punto, si dirigeranno felici e ciechi verso la schiavitù come agnelli sulla via della macellazione, credendo di essere liberi fino al momento della loro distruzione.

In altre parole, fino a quando sarà troppo tardi per invertire il loro destino e il vero volto del tiranno globale verrà rivelato.



   

 

 

1 Commento per “Russia Insider: Le élite USA tentano di distruggere l’Europa usando gli immigrati”

  1. Condivido in tutto.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -