Pesca: in Italia perso il 35% dei posti di lavoro, importato il 76% del pescato

ue-pesce

“Ad oggi l’unico strumento per invertire la crescente dipendenza italiana dell‘importazione di pescato, che ha superato il 76%, è rappresentato dall’acquacoltura che, invece, viene penalizzata dalla mancanza di certezze e da una grave assenza di norme che ne consentano lo sviluppo”. Lo ha sottolineato il responsabile nazionale di Coldiretti Impresa Pesca, Tonino Giardini, oggi a margine di un convengo sul tema.

“Noi – ha aggiunto – abbiamo circa 1,2 persone impiegate per ogni impresa, quindi parliamo quasi di ditte individuali, e questo rappresenta un problema soprattutto perché le strutture sono piccole e non adeguate a fare quei lavori e trattamenti di prodotti che sono poi necessari per un mercato diverso”. Giardini si riferisce al fatto che “le abitudini dei consumatori stanno cambiando, c’è sempre meno tempo per stare dietro ai fornelli, e quindi il prodotto pronto diventa una necessità ma su questo segmento di mercato noi non ci siamo”.

Per Giardini “le ultime norme sulla tracciabilità aiutano, perché è stata introdotta una etichettatura nuova, completa, ma che i nostri operatori fanno fatica ad applicare”. “Per loro – ha rilevato – è un peso, ma potrebbe diventare una risorsa lungo andare perché andremmo a creare riconoscibilità nelle nostre produzioni”. Infine Giardini ha sottolineato che la “crisi del settore ittico si trascina da trent’anni e ha causato la perdita del 35% dei posti di lavoro e la chiusura del 32% delle imprese”. “Il settore – ha concluso – soffre la concorrenza sleale del prodotto importato dall’estero e spacciato come italiano, soprattutto nella ristorazione”.(ANSA).

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -