La Russia contro Amnesty: macchina del fango su richiesta Usa

 

Mosca smentisce le accuse pesanti di Amnesty International sui raid russi in Siria e punta il dito contro gli Usa che strumentalizzerebbero le Ong (fondate e guidate dallo stesso dipartimento di Stato USA) per deviare l’attenzione dagli errori commessi dai contingenti statunitensi in Iraq, Siria e Afghanistan.

AMNESTY-siria

“Falsità” ha reagito subito il ministero della Difesa russo, per bocca del suo portavoce Igor Konashenov. “Manipolazioni dei nostri colleghi Usa che buttano fango addosso agli altri, per distrarre l’opinione pubblica mondiale dalle tragedie che hanno causato morti e sofferenze di civili ad Aleppo, Kunduz, Falluja e in altre città“, ha detto Konashenkov alla stampa, compresa askanews, che chiedeva un commento sulle accuse di Amnesty per presunti 200 morti civili dall’inizio dei raid russi.

Il generale ha parlato con fervore di questo “torrente di menzogne” e ha specificato che la diffusione di tale “disinformazione” farebbe “comodo”, all’America. “Permettetemi di ricordare che la prima ondata di accuse al nostro indirizzo è comparsa subito dopo che un velivolo gli Stati Uniti ha distrutto l’impianto termoenergetico ad Aleppo, lasciando interi quartieri senza alimentazione elettrica”, ha commentato.

La seconda ondata di accuse è arrivata dopo il tragico bombardamento del 3 ottobre dell’aviazione degli Stati Uniti sull’ospedale di medici senza frontiere in Afghanistan, a Kunduz. Con la morte di 42 persone“.S

econdo Konashenkov anche “la porzione di falsità” di Amnesty sarebbe stata diffusa non casualmente, ma “subito dopo che il 18 dicembre un bombardiere degli Stati Uniti ha colpito soldati iracheni nella zona di Falluja, facendo tra morti e feriti più di 50 vittime“. Il generale ha anche sottolineato che una caratteristica di tutti questi attacchi è la mancanza di prove chiare e la citazione di testimoni impersonali, chiamati dai media occidentali “difensori dei diritti umani“. Il tutto dopo che oggi il Cremlino aveva replicato dicendo di non avere “informazioni in proposito”, ma che sicuramente il Ministero della Difesa le aveva e avrebbe analizzato il report della Ong.

Che cosa è la ONG AMNESTY
 Amnesty International è uno dei più grandi ostacoli ai diritti umani in tutta la TerraLa leadership di Amnesty International – Anche la leadership di Amnesty ci dice qualcosa, in merito alla sua reale agenda. Suzanne Nossel, direttrice esecutiva di Amnesty International USA, per esempio, è stata designata direttamente dal Dipartimento di Stato americano; il che contraddice amaramente, ancora una volta, le dichiarazioni di Amnesty sulla sua “indipendenza” da governi e interessi delle corporations. La Nossel ha continuato a promuovere la politica estera statunitense, ma semplicemente dietro un podio con un nuovo logo, quello di Amnesty International, affisso su di esso.

Il sito web di Amnesty International menziona specificamente il ruolo della Nossel dietro le risoluzioni ONU appoggiate dal Dipartimento di Stato USA, riguardanti l’Iran, la Siria, la Libia, e la Costa D’Avorio. E’ stato largamente documentato come questi temi girino attorno a un piano decennale, escogitato dalle grandi partecipazioni finanziarie, mirante a dividere, distruggere e saccheggiare le nazioni, viste come un ostacolo all’egemonia globale statunitense.

 

Da parte sua la Ong ha successivamente tentato di discolparsi definendo “vergognosa l’incapacità della Russia di riconoscere le uccisioni di civili”. Secondo l’organizzazione “questi raid indicano che non c’erano obiettivi militari o combattenti nelle immediate vicinanze delle aree che sono state colpite. Questo suggerisce che gli attacchi potrebbero aver violato il diritto internazionale umanitario e possono, in alcune circostanze, costituire crimini di guerra. In uno dei più letali attacchi documentati tre missili sono stati sparati in un mercato affollato nel centro di Ariha in Idlib, con l’uccisione di 49 civili. Testimoni (non meglio specificati) hanno descritto come in pochi secondi il vivace mercato della domenica si è trasformato in una carneficina”.

Konashenkov tuttavia ha respinto in pieno le accuse usando la parola inglese “fake” e parlando di “selettività” nella preparazione di relazioni da parte dell’organizzazione internazionale Amnesty International. “Non abbiamo ancora visto relazioni dettagliate sulle attività della coalizione saudita in Yemen, e ancora di più analisi dei crimini commessi dai terroristi in Siria e Iraq. A nostro avviso, sarebbe meglio dirigere l’energia di questa organizzazione per portare alla luce tutto questo” ha aggiunto. con fonte ASKANEWS



   

 

 

1 Commento per “La Russia contro Amnesty: macchina del fango su richiesta Usa”

  1. Che infami tutti contro la RUSSIA in maiuscolo perché l’unica Nazione al mondo che è stata bombardata da tutti come se fosse un appestata, solo perchè gli Americani vogliono fare il bello e cattivo tempo questi ci stanno portando alla rovina compreso gli stati singoli all’interno della UE queste carognate non si sono viste nemmeno nel periodo della guerra fredda tra RUSSIA e americani, ora ci si e messo anche Amnesty, non aggiungo altro per lo SxxxxO che mi fanno.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -