Partorì una bimba e la chiuse in valigia, ucraina arrestata per omicidio

 

neonQuesta mattina i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Soverato hanno arrestato una donna per l’omicidio volontario e l’occultamento di cadavere del figlio neonato. Ora si trova agli arresti domiciliari in una casa protetta per sole donne. La mattina del 17 agosto scorso era stata soccorsa dal 118 e poi portata in ospedale dove i medici si erano immediatamente accorti che la donna aveva partorito o abortito.

La donna, una ucraina di 37 anni, inizialmente ha negato tutto ma il successivo intervento dei carabinieri ha consentito di rinvenire, avvolto in un asciugamano all’interno di una valigia, il corpicino di un neonato nella dimora estiva a Montepaone. Dall’attività investigativa è emerso che la donna aveva sempre negato il suo stato di gravidanza, anche al compagno, un italiano 40enne con cui ha avuto altri due figli.

I carabinieri del Ris di Messina e del Reparto analisi criminologiche del Racis di Roma hanno consentito di accertare che il parto è effettivamente avvenuto all’interno della dimora estiva della donna e che il neonato era figlio biologico di quest’ultima e del suo convivente.

In particolare, dall’esame autoptico, è emerso che il neonato, di sesso femminile, nato vivo, è morto per soffocamento ed emorragia. Ciò ha determinato una svolta alle indagini e spinto la Procura della Repubblica alla richiesta al Gip di Catanzaro del provvedimento di arresto. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -