Iraq, Baghdad sbugiarda Renzi: la diga di Mosul non è in pericolo

 

Ieri, nel corso di una trasmissione televisiva, il premier italiano Renzi ha detto: “Con Obama c’è totale consonanza di vedute su molte partite. L’Italia interverrà non solo in Afghanistan, in Libia, non soltanto in Kosovo, in Somalia e in Iraq, ma anche con un’operazione importante, un intervento nella diga di Mosul, nel cuore di un’area molto molto pericolosa. La diga è seriamente danneggiata e se crollasse sarebbe distrutta Baghdad. Ha vinto la gara una azienda italiana, noi metteremo 450 nostri uomini con il supporto logistico degli americani e metteremo noi a posto la diga“.

renzi

“Chiacchere che mirano a creare confusione”. Così il direttore iracheno della diga di Mosul sulle notizie diffuse negli Usa circa un imminente crollo del strategico impianto idrico nel Nord dell’Iraq. Proprio ieri, il premier italiano Matteo Renzi aveva annunciato a sorpresa il prossimo invio in Iraq di un contingente militare italiano di 450 soldati per proteggere la diga da un’eventuale minaccia di sabotaggio da parte dei jiahdisti dello Stato Islamico (Isis).

“La situazione della diga di Mosul è molto buona ed attualmente non esiste alcun problema che dia motivo di preoccupazione”, ha detto ieri il direttore della diga Riad Ezziddine all’emittente tv irachena “alsumaria news” riferendosi alle notizie diffuse su media americani.

“Alcune dichiarazioni diffuse ultimamente circa un imminente crollo della diga non si basano sulla realtà”, ha detto il direttore prima di definire le stesse notizie “chiacchere che mirano a creare sconcerto tra i cittadini” iracheni.

In passato a più riprese il ministero delle Risorse idriche aveva annunciato che la diga non rischia un crollo assicurando che i “lavori di manutenzione e di iniezione di cemento nella fondamenta sono continui”. La diga di Mosul è stata costruita nel 1986 per un costo complessivo di oltre un miliardo di dollari.  (askanews)


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da

Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal





   

 

 

1 Commento per “Iraq, Baghdad sbugiarda Renzi: la diga di Mosul non è in pericolo”

  1. Ma allora se e vero quello che sto leggendo, qui siamo oltre alla follia di Buffoni. Come ha detto il Presidente Della Repubblica Mattarella, DOVE C’E UNA SOLA PERSONA CHE COMANDA LI C’E LA DITTATURA!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -