Gentiloni: “L’Italia non si sente in guerra”

 

“Dobbiamo dire che siamo sotto attacco da parte del terrorismo e dobbiamo reagire combattendo il terrorismo”, ma l’Italia “non si sente in guerra”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni dalla direzione del Pd, aggiungendo: “Capisco perfettamente che Hollande abbia usato la parola guerra e capisco che altri grandi Paesi occidentali come Usa, Germania e Gb non abbiano usato questo tipo di espressione“.

“In Europa non dobbiamo arretrare nella battaglia per non sovrapporre il terrorismo con il tema dei rifugiati. Il Pd e il governo non arretreranno di un millimetro su questo tema, altrimenti ci sarà uno sfondamento culturale che non riusciremo a contenere”. Lo ha detto Paolo Gentiloni, ministro degli Esteri, alla Direzione del Pd.



   

 

 

1 Commento per “Gentiloni: “L’Italia non si sente in guerra””

  1. I nostri politici non si sentiranno mai in guerra fino a quando uno dei terroristi che stanno facendo entrare in Italia senza problemi,non gli piazzerà una bomba sotto il culo. Solo in quell’auspicabile caso si renderanno conto di quanto sono deficienti.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -