Benestanti, istruiti e drogati: ecco chi sono i fratelli Abdeslam, terroristi di Parigi

 

I fratelli Abdeslam, il kamikaze di Rue Voltaire Brahim e il fuggitivo Salah, erano stati interrogati in Belgio prima degli attacchi. Ma l’informazione non è mai stata resa nota alle forze dell’ordine francesi. Ibrahim era il proprietario di un bar di Molenbeek, “Les Beguines”, in cui lavorava anche il fratello Salah e che aveva venduto sei settimane prima di farsi saltare in aria a Parigi.

Un ragazzo del quartiere, che ha voluto restare anonimo e che conosceva bene i fratelli Abdeslam racconta che Ibrahim “Guardava moltissimi video sullo Stato Islamico. A volte quando si arrabbiava diceva:“Un giorno faccio esplodere tutto!”. Fumava molta marijuana, quindi pensavamo che non fosse a posto… succede quando fumi molta marijuana… Quindi credevamo tutti che fosse squilibrato. Brahim si è presentato una settimana fa qui nel quartiere per chiederci di nascondere dei kalashnikov. Però visto che credevamo che fosse solo un pazzo Gli abbiamo chiesto: “Brahim, ma è uno scherzo?”. Lui ha risposto:“No, no, sono serio. Ho abbastanza esplosivo per far saltare in aria tutto il Belgio”.

terroristi-Abdeslam-parigi

E Brahim diceva il vero: si è fatto saltare in aria dopo aver seminato morte e terrore probabilmente sotto effetto di anfetamina, come Salah, il fratello fuggitivo nella cui stanza di hotel ad Alfortville, (quella usata come base da lui e alcuni complici prima degli attacchi) martedì è stata trovata una siringa con del Captagon, la droga notoriamente usata dai terroristi prima degli attacchi e che come effetto principale provaca un senso di onnipotenza che permette di superare la paura.

Il sindaco di Molenbeek racconta che i due fratelli non venivano da situazioni disagiate: “I fratelli Abdeslam non erano degli emarginati. Non erano dei poveri ragazzi i cui genitori non avevano niente, cresciuti per strada. Erano dei ragazzi con un’istruzione, una famiglia alla quale è stato dato un lavoro, una famiglia a cui è stato dato un alloggio e malgrado ciò sono caduti nel radicalismo, nel terrorismo”.

Intanto la polizia belga è alla ricerca dell’uomo che avrebbe fabbricato le cinture esplosive dei kamikaze e che avrebbe avuto recenti contatti con Salah Abdeslam.

EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -