Torino: immigrati bruciano centro di accoglienza, 5 moduli distrutti

 

TORINO, 15 NOV – Cinque moduli abitativi sono stati bruciati, nella tarda serata di ieri, nel Centro di identificazione e di espulsione (Cie) di Torino. L’intervento di vigili del fuoco e forze dell’ordine ha evitato feriti, ma i moduli sono ora inagibili.

Due tunisini di 33 e 42 anni presenti nel Cie sono stati arrestati per danneggiamento, resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. La protesta mentre una ventina di antagonisti lanciava all’interno della struttura petardi e a fuochi d’artificio. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Torino: immigrati bruciano centro di accoglienza, 5 moduli distrutti”

  1. I cretini dicono che con questa gente bisogna dialogare, ed ecco i risultati dell’accoglienza questi per prima cosa sono CLANDESTINI e non immigrati, quindi vorrei sapere cosa aspettano sia Alfano che Renzi all’espulsione di questa gentaglia, anche perché oltre al mantenimento ci tocca pagare a noi cittadini i danni che fanno e hanno fatto, oppure vi fanno comodo per qualche scopo ben preciso? altrimenti non si spiega il vostro atteggiamento menefreghista di questa gentaglia che delinquono ogni giorno.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -