Mogherini minaccia: transizione in Siria o problemi di sicurezza in Russia

 

La Russia rischia di rimanere intrappolata in un altro pantano come è avvenuto in Afghanistan, a meno che non fornisca un contributo reale a una transizione politica in Siria. Lo ha spiegato l’Alto rappresentante Ue per la Politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini, in un’intervista al Guardian e Le Monde.

mogherini

“Credo che la Russia sia consapevole del fatto che se non lavora duramente per l’avvio di un processo politico rischia di rimanere intrappolata in una sorta di scenario afgano in Siria, e rischia di essere percepita dalla maggior parte della comunità araba, e dai cittadini musulmani di Russia, come parte delle divisioni tra sunniti e sciiti”, ha spiegato Lady Pesc

Anche la fantomatica “coalizione a guida USA” bombarda la Siria (fingendo di voler combattere Isis), ma stranamente lady Pesc non ha prospettato questo scenario.

Secondo Federica Mogherini, la potenziale presenza di combattenti musulmani russi (in mezzo ai mercenari di decine di altri Paesi) tra i jihadisti in Siria rappresenterebbe un grave problema di sicurezza nazionale in Russia in caso di un loro ritorno in patria.

“Credo che i russi comprendano molto chiaramente che insieme al loro rafforzamento militare … il loro interesse è quello di spingere attivamente per l’avvio del processo politico”, ha insistito il capo della diplomazia europea.



   

 

 

2 Commenti per “Mogherini minaccia: transizione in Siria o problemi di sicurezza in Russia”

  1. La Mogherini muove la bocca ma parla Kerry

  2. Ma fanculo tu, l’ Europa e tutti gli stati uniti d’America. W PUTIN, W LA RUSSIA!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -