Il prelievo forzoso arriva in Italia: “impatto potenzialmente dirompente”

(WSI) Quando entrerà in vigore nel 2016, il cosiddetto bail-in delle banche avrà un impatto potenzialmente dirompente. A rivelarlo Fabio Panetta, vice direttore generale della banca d’Italia nel corso di un seminario organizzato dalla Commissione finanze della Camera, in merito agli schemi di decreti legislativi per il recepimento della direttiva UE sul risanamento e sulla risoluzione delle banche.

tasse0

Il cosiddetto bail-in comporta il coinvolgimento di azionisti e obbligazionisti nel salvataggio di una banca in crisi. Saranno loro a pagare, mediante la procedura di risoluzione che in Italia verrebbe attivata proprio dalla Banca d’Italia.

Con l’occasione Panetta precisa come la direttiva UE sul risanamento e risoluzione della banche ha escluso dalla sua applicazione le categorie di passività più rilevanti per la stabilità sistemica e quelle protette in sede concorsuale. Così non formano oggetto di bail-in, sottolinea il vice direttore generale di Bankitalia, i depositi di valore pari o inferiore a 100.000 euro, le obbligazioni garantite da attivi della banca (quali i covered bond), i debiti interbancari a brevissimo termine.

Potranno però essere intaccati i depositi superiori a 100.000 euro detenuti da famiglie o da piccole e medie imprese, solo per la parte che eccede tale soglia e comunque dopo le altre passività. “Ciò minimizza di fatto la probabilità che essi subiscano perdite pur in situazioni di dissesto” – precisa Panetta. D’altro canto potranno essere interessati dal bail-in le obbligazioni bancarie non garantite (senior), le passività subordinate e gli altri strumenti di capitale.

Infine potrà essere applicato il regime del bail-in (che si distingue dal bail-out in cui è lo stato, agente esterno, a salvare l’istituto in crisi) anche agli strumenti già in circolazione alla data di entrata in vigore della normativa di recepimento.

“Da noi” – conclude Panetta – “gli interventi pubblici sul mercato del credito non hanno generato costi per lo Stato, ma un flusso, pur contenuto, di ricavi netti positivi sotto forma di interessi e commissioni”.

Intervenuto nel seminario anche Giuseppe Vegas, presidente della Consob il quale propone di introdurre un “meccanismo per il quale, nel momento in cui si decide di far partire il decreto sul bail in, potrebbe essere associato anche a una sorta di automatismo della sospensione delle negoziazioni, perchè così si eviterebbe qualunque tipo di asimmetria informativa”.

“Sarebbe opportuno mantenere il sistema attuale per evitare scarsa trasparenza nei confronti dei risparmiatori ed evitare che la nuova normativa, con effetti di minore trasparenza, possa avere effetti di maggiore instabilità”, ha detto sempre Vegas.

(Aca)



   

 

 

1 Commento per “Il prelievo forzoso arriva in Italia: “impatto potenzialmente dirompente””

  1. francesco carparelli

    Se dovranno praticare dei prelievi forzosi, sui conti eccedenti 100.000 euro,può essere un tentativo azzardato per risanare? la barca Italia o per salvare le banche???..Purchè non vadano a rompere i gioielli ai modesti risparmiatori, i quali pensano di conservare qualche modica somma,per potersi garantire l’acquisto dei farmaci necessari a curarsi, considerato che dobbiamo pagarci anche i farmaci,cosiddetti salvalavita.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -