Mantova: istigava al jihad su facebook, arrestato leader della comunita’ pakistana

 

Attraverso i suoi profili Facebook e materiale inneggiante al jihad e al martirio, istigava ad atti di violenza con finalita’ di terrorismo. Con questa accusa i poliziotti della Digos di Enna hanno arrestato a Mantova un cittadino pakistano, ritenuto responsabile di associazione a delinquere con finalita’ di terrorismo.

enna-jihadista

Numerose perquisizioni sono state eseguite nelle province di Mantova, Enna, Prato, Milano e Como. L’operazione, cui e’ stato dato il nome di “Looming Web”, prende le mosse dai disordini scoppiati il 14 ottobre 2014 all’interno del Centro di prima accoglienza “Citta’ del Sole” di Piazza Armerina.

I poliziotti hanno accertato che l’uomo era leader della comunita’ pakistana presente a Piazza Armerina e che, nonostante possedesse 6 schede telefoniche, tutte date in uso ad altre persone, per le sue chiamate personali ne utilizzava una settima, non intestata a lui.

Il pakistano gestiva due profili Facebook in cui postava e condivideva foto e commenti inneggianti alla violenza, alla jihad e al martirio, e parlava della sua appartenenza a un’organizzazone pakistana gia’ di matrice terroristica militare, denominata Sipah-e-Sahaba Pakistan. In uno dei numerosi post pubblicati dall’indagato si legge: “Cerca di interessarti al martirio… La jihad andra’ avanti fino alla fine”. Nell’ambito del procedimento penale risultano altresi’ indagati altri due cittadini extracomunitari, in collegamento con il pakistano. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -