Arabia S,: il padre di Al Nimr fa appello alla rete per salvare suo figlio

In questo episodio di Behind The Headline, il padre di Ali al-Nimr, ospitato da Mnar Muhawesh, si unisce MintPress per parlare di come la sua famiglia ha subito l’impatto della condanna di suo figlio. Abu Baker chiede di cancellare l’esecuzione e che, attraverso i social media, si continui a  fare pressione sul regno saudita per liberare suo figlio.

Ali Mohammed al-Nimr sarà decapitato e poi crocifisso in pubblico: è la condanna inflitta in Arabia Saudita a un 21enne che nel 2012, quando aveva 17 anni, partecipò a una manifestazione antigovernativa, in cui alcune persone protestavano per la persecuzione politica dello zio di Ali Mohammed al-Nimr, anche lui condannato a morte. La sentenza, emessa da un tribunale di Gedda nel maggio scorso, è stata confermata dalla Corte Suprema e dovrebbe essere eseguita in questi giorni.

Il giovane Ali al-Nirm, nipote di Sheikh Nimr al-Nimr, 53 anni, storico critico del regime saudita, è accusato di un non meglio precisato possesso di armi e minacce a pubblici ufficiali .

Le crocifissioni in Arabia Saudita prevedono che il condannato venga prima decapitato e poi che il suo corpo sia esposto al pubblico a scopo di monito.



   

 

 

1 Commento per “Arabia S,: il padre di Al Nimr fa appello alla rete per salvare suo figlio”

  1. E queste sarebbero le persone che si dovrebbero accogliere gente che taglia la testa di una persona come niente fosse,nemmeno a una pendecana uno sarebbe capace di fare.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -