Draghi: Non ci fermeremo finché l’unione monetaria non sara’ completa

“Non ci fermeremo fino a quando l’unione monetaria non sara’ completa”. (Costi quel che costi. Che i popoli europei lo vogliano o no, poco importa)

 

draghi

Cosi’ il presidente della Bce Mario Draghi, che ha ricevuto il Global Citizen Award dell’Atlantic Council. Draghi ha sottolineato che “i progressi raggiunti negli ultimi tre anni per stabilizzare e rafforzare l’area euro sono reali”.

Dal palco parla del progetto europeo, “l’esperimento più avanzato nel gestire temi che vanno al di là dei propri confini tramite accordi internazionali e sovranazionali. Un progetto e un esperimento che ha “funzionato”, che finora ha avuto successo, al quale non c’è alternativa. La “sovranità va condivisa” afferma Draghi, sottolineando che “può sembrare a volte che noi in Europa non siamo in grado di superare le sfide, ma lo siamo. Ogni volta abbiamo la meglio. E questo perchè quando lavoriamo come un’unione possiamo affrontare problemi che ci schiaccerebbero se ogni Paese cercasse di affrontarli da solo”.

Per il numero uno della Bce, quando l’integrita’ dell’euro e’ minacciata lo e’ anche la crescita globale.

“L’Unione europea e l’unione monetaria sono progetti regionali con implicazioni globali”.

Il fine è spiegato qui, la creazione dell’impero europeo (che fallirà). E quando tutto sarà distrutto, salteranno sulle rovine, fra la polvere delle macerie.

Stanno usando gli immigrati perché vogliono creare un nuovo “impero europeo”

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -