Arabia Saudita: 21enne condannato a decapitazione e crocifissione pubblica

Chissà cosa pensano i paladini dei diritti umani di questa esecuzione barbara e crudele degna della peggiore inciviltà che non ha sucitato l’indignazione dovuta. La notizia è circolata infatti piu’ che altro su blog e social, nel silenzio dei grandi media.

L’Occidente dovrebbe morire di vergogna per essere alleato dell’Arabia.

obama-salman

Ali Mohammed al-Nimr sarà decapitato e poi crocifisso in pubblico: è la condanna inflitta in Arabia Saudita a un 21enne che nel 2012, quando aveva 17 anni, partecipò a una manifestazione antigovernativa, in cui alcune persone protestavano per la persecuzione politica dello zio di Ali Mohammed al-Nimr, anche lui condannato a morte. La sentenza, emessa da un tribunale di Gedda nel maggio scorso, è stata confermata dalla Corte Suprema e dovrebbe essere eseguita in questi giorni.

arabia-ali-mohammed-al-nimr

A riferire la notizia pochissime testate internazionali. Ali al-Nirm, nipote di Sheikh Nimr al-Nimr, 53 anni, storico critico del regime saudita, è accusato di un non meglio precisato possesso di armi e minacce a pubblici ufficiali .

Le crocifissioni in Arabia Saudita prevedono che il condannato venga prima decapitato, poi che il suo corpo sia esposto al pubblico a scopo di monito. Come vedete, il Paese  applica alla lettera la sharia, la legge islamica, proprio come l’Isis. Ecco perché chi dice che Isis non è l’islam, (come Napolitano, Gentiloni o la Mogherini) mente spudoratamente.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -