Ungheria: sedicenti profughi attaccano i ferrovieri al grido “Allah akbar”

 

 

Nel corso delle ultime 24 ore sono stati 3.023 i migranti e profughi affluiti in Ungheria attraverso la frontiera con la Serbia. Come ha riferito la polizia locale, citata dai media a Belgrado, si tratta in prevalenza di siriani, afghani e pachistani.

Li chiamano profughi, ma sorgono dei dubbi: la maggior parte di loro sono uomini, agguerriti e fanatici musulmani.Pochissimi i bambini e le donne anche se i media di regime li riprendono in continui primi piani per dimostrare che ci sono.

Nel filmato vediamo in azione i sedicenti “profughi” mentre attaccno i lavoratori delle ferrovie all’ormai consueto grido di battaglia “Allah akbar”

Il governo ungherese ha deciso di utilizzare le forze armate nella gestione della crisi dei migranti e chi entrerà illegalmente in Ungheria, dal 15 settembre, sarà arrestato. Parola di Viktor Orban.

Il capo del governo di Budapest, insieme alla Repubblica Ceca e alla Slovacchia, ha ribadito il no all’introduzione di quote obbligatorie e permanenti di distribuzione dei rifugiati.

Una linea dura che non ha impedito a circa 12.000 profughi di attraversare il Paese nelle ultime 24 ore per raggiungere l’Austria. Un flusso che l’Ungheria vuole interrompere: per finire più in fretta la barriera al confine con la Serbia il governo impiega anche i detenuti.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -