Medici senza Frontiere addestra pescatori tunisini a prelevare clandestini

Da anni i pescatori tunisini si imbattono in imbarcazioni di clandestini e li prelevano mettendoli al sicuro sulle proprie barche. Per aumentare la loro capacità di effettuare salvataggi in mare, Medici Senza Frontiere (MSF) ha organizzato una formazione di 6 giorni per 116 pescatori nella città di Zarzis, in Tunisia. Il corso, rende noto l’ong, ha introdotto i frequentatori alle diverse fasi di un salvataggio, da come comunicare con le persone a bordo a come chiedere supporto al Centro di Coordinamento del Soccorso in Mare.

Siria: Interferenza criminale di Medici Senza Frontiere a fianco dei terroristi

MSF sta effettuando corsi di formazione anche per la Mezzaluna Rossa tunisina e libica, per la Protezione Civile e per la Guardia Nazionale tunisine, su come gestire i cadaveri delle vittime e come accogliere le persone soccorse in mare e portate sulle coste.

Le ONG: Quinte colonne di Washington

 



   

 

 

1 Commento per “Medici senza Frontiere addestra pescatori tunisini a prelevare clandestini”

  1. Ottima iniziativa;peccato che poi anzichè riportarli da dove sono partiti,li portino in Italia!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -