Messina: tunisino uccide la moglie a bastonate

 

E’ stata uccisa a bastonate dal marito nella casa doveva vivevano con le figlie. Questa la fine orribile di una donna tunisina di 33 anni, Omayma Benghaloum, uccisa a Messina, nella sua abitazione di via Comunale, nel villaggio di Sperone. Il marito anche lui tunisino, di 52 anni, si e’ costituto presentandosi spontaneamente presso il Commissariato Nord della Polizia.

Alla base dell’omicidio, forse la gelosia, scoppiata a tarda notte quando la donna e’ tornata la casa. Omayma era una mediatrice culturale e spesso dava una mano in occasione degli arrivi degli immigrati. Anche ieri aveva dato il suo contributo per lo sbarco di oltre 800 migranti arrivati al porto di Messina a bordo di una nave della Guardia Costiera. Quando e’ tornata a casa sarebbe scoppiata una lite violentissima che non ha lasciato scampo alla donna.

Poi lui ha deciso di presentarsi alla polizia portandosi dietro le quattro bambine. Dolore e stupore tra i vicini di casa che conoscevano entrambi descrivendoli come persone tranquille, normali e ben educate, ma ieri sera sembra che nessuno abbia visto o sentito nulla. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Messina: tunisino uccide la moglie a bastonate”

  1. Quando succede qq per; le testimoniance,sono state sempre delle bravissime persone. Oppure nessuno ha visto visto niente.Pero’ se sono vittime tutti dovrebbero testimoniare..Il coraggio é veramente troppo grande.
    Buona serata a tutti.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -