Funerale trionfale e musica del Padrino per il boss dei Casamonica (Sinti))

Petali di rose da un elicottero e carrozza nera con fregi in oro hanno accompagnato il membro del clan nell’ultimo viaggio di Vittorio Casamonica. Il carro funebre è stato accompagnato da altre macchine cariche di corone di fiori. La bara è stata poi caricata su una carrozza funebre, tirata da sei cavalli neri.

Quartiere della Tuscolana in tilt questa mattina per i funerali di Vittorio Casamonica, 65 anni, esponente di spicco dell’omonimo clan da tempo osservato speciale della procura di Roma per le attivita’ illecite (droga, riciclaggio e usura) svolte nella porzione sud-est della citta’.

Per celebrare l’ultimo saluto di Casamonica, nella chiesa di Don Bosco, colma di gente, non si e’ badato a spese: una carrozza con i bassorilievi dorati trainata da sei cavalli neri, un elicottero che ha lanciato petali di rose e una banda musicale che all’ingresso del feretro in chiesa ha rievocato le note de ‘Il padrino’ e al termine della funzione la colonna sonora di ’2001 Odissea nello spazio’.Sulla bara, trasportata da una Rolls-Royce, un’immagine di padre Pio.

Alcuni striscioni sono stati affissi alla chiesa. Uno riportava la scritta: “Vittorio hai conquistato Roma, ora conquisterai il paradiso“.

Una vicenda che presto sara’ oggetto di un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno. Sinistra Ecologia Liberta’, attraverso il capogruppo a Montecitorio Arturo Scotto e la deputata Celeste Costantino, si chiede come sia possibile celebrare un funerale in questa maniera: “Scene che sembrano prese da un film ma che accadono oggi nella realta’ viva della Capitale del nostro paese. Non puo’ essere consentito a nessuno l’apologia della malavita. Chiediamo che vengano prese le distanze da parte delle autorita’ religiose e pensiamo che le autorita’ civili debbano dare qualche risposta su quanto accaduto, a partire dalla questura. Quei funerali possono apparire un fenomeno di folclore, ma in realta’ sono un messaggio chiaro di impunita’ da parte dei clan: esistiamo ancora e siamo potenti.
Inaccettabile in uno stato democratico”. Dello stesso tenore anche l’intervento di Angelo Bonelli che parla di “messaggio di forza nei confronti dello Stato e di ricchezza ostentata”.
“Chiedo – evidenzia il coportavoce dei Verdi – come sia stato possibile che nel centro di Roma un elicottero abbia potuto volare cosi’ basso e che un funerale cosi’ sfarzoso sia stato celebrato in una chiesa”.

Orfini (Pd), mai piu’. Basta sfregi a Roma

“Mai piu’. Roma non puo’ essere sfregiata da chi la vorrebbe far diventare un set del Padrino” scrive su twitter il presidente del Pd, e commissario del partito romano, Matteo Orfini. (AGI) .

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -