Protesta dei profughi nella tenuta Costagrande “Non vogliamo stare in collina”

Avesa – Verona, i profughi di Costagrande protestano: “Vogliamo stare in città, non in collina”

Per l’ospitalità nella tenuta Costagrande ad Avesa non sono solo gli abitanti della zona a protestare, bensì anche i profughi. Nella mattina di lunedì 20 luglio, alle 9 circa, gli ospiti dell’ex collegio universitario hanno organizzato una piccola protesta con cartelli e striscioni. In particolare, i profughi stanno protestando per le condizioni in cui versano il terreno e la struttura che li ospita.

protesta-profughi-costagrande

foto corrieredelveneto.corriere.it

Come riporta L’Arena, i rifugiati lamentano la scarsità d’acqua, problema che riguarda l’intera zona, la scarsità di cibo e la presenza di serpenti e scorpioni nelle tende allestite per ospitarli. Alcuni cartelli riportano scritte in inglese che recitano “Non siamo in guerra, vogliamo pace”, secondo quanto riportato da L’Arena.

Il Corriere del Veneto, invece, riporta altri striscioni che spostano l’attenzione dalle condizioni della tenuta alla sua posizione. Infatti, in alcuni si legge che i profughi vorrebbero essere trasferiti in città, non tanto perchè sia più bella, ma appunto perchè la campagna sulle colline di Verona può essere un luogo disagevole. Inoltre, l’ex collegio Don Mazzi è quasi un eremo, perciò la sua posizione è davvero isolata.

veronasera.it



   

 

 

1 Commento per “Protesta dei profughi nella tenuta Costagrande “Non vogliamo stare in collina””

  1. EGREGIO MINISTERO INTERNI , QUESTI HANNO NECESSITA’ DI ESSERE RISPEDITI AL LORO PAERSE.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -