Rapine violente a Milano: 3 arresti, coinvolta banda di ‘latinos’

Gli agenti del commissariato Ticinese di Milano hanno arrestato tre giovani, di cui uno minorenne, tutti di nazionalita’ ecuadoriana, che l’11 febbraio scorso misero a segno a pochi minuti di distanza due rapine. Nel primo caso i tre avvicinarono un ragazzo in via Renzo e Lucia, zona Navigli, lo picchiarono e gli strapparono il cellulare. La seconda vittima e’ una studentessa universitaria alla quale furono strappate borsetta e portafogli. Uno dei tre arrestati, un ventenne, e’ un affiliato della gang latino-americana “Trebol”. 

sudamericani-Trebol

I tre arrestati sono Gilson Yair Mina Quinonez, 19 anni, Jean Pierre Sotamba Acosta, 19 anni, e un 17enne le cui iniziali sono G.V.M.. Lo scorso 11 febbraio il terzetto ha messo a segno quattro rapine nel giro di 40 minuti, adoperando sempre lo stesso metodo: i tre ragazzi accerchiavano la vittima, le puntavano un coltello alla gola, la colpivano con un pugno al naso, e le strappavano via tutto quello che aveva. Cosi’, tra le 19.50 e le 20.20 di quel giorno di febbraio ben quattro persone sono state ferite e rapinate.

La questione piu’ inquietante, pero’, resta il movente: i tre erano stati espulsi dalla gang ‘Trebol’ (‘Trifoglio’), una delle piu’ violente della galassia delle bande di strada di ‘latinos’, e volevano essere riammessi commettendo reati a caso. Gilson, in particolare, arrestato subito dopo l’ultima rapina, mentre i suoi complici sono stati bloccati nei giorni scorsi, viene descritto come un soggetto violento e sbandato, che durante la sua permanenza al carcere minorile Cesare Beccaria si era guadagnato un’accusa di tentato omicidio dopo aver ferito a colpi di lametta l’appartenente a una gang rivale. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -