Manca il wifi, operatrice sequestrata da quattro nigeriani

Belluno – Manca il wifi, i migranti si arrabbiano e chiamano la polizia. Ventiquattro ore senza la connessione internet, quindi l’impazienza, la messa alle strette dell’operatrice e la chiamata al 113.

È stato un pomeriggio movimentato – racconta il gazzettino –  quello di ieri al civico 19 di via Lungardo, nell’abitazione di Società Nuova dove sono ospitati undici cittadini stranieri. La mancanza dell’accesso a internet, tolto dagli operatori della cooperativa da giovedì mattina, ha infatti fatto saltare la mosca al naso a quattro nigeriani (quindi clandestini, non profughi) attorno ai vent’anni tanto da spingerli a entrare nell’ufficio dell’operatrice, al piano terra dell’abitazione, minacciando di rivolgersi alla polizia se la loro richiesta non fosse stata esaudita e impedendo alla giovane di lasciare l’edificio.

La chiamata alle forze dell’ordine è partita da uno dei quattro che, digitato il 113, ha richiesto l’intervento degli agenti per risolvere la questione. Il battibecco si è risolto con un verbale e l’amaro in bocca da entrambe le parti.



   

 

 

1 Commento per “Manca il wifi, operatrice sequestrata da quattro nigeriani”

  1. theng uh salam

    ok e poi? Da quando in qua il WI FI è un diritto acquisito? Cazzo la prossima bolletta che mi arriva … chiamo il 113 !!!
    Non sono loro da prendere a calci in culo , sono gli stronzi che gli permettono di comportarsi così quelli con cui prendersela ! Si può sapere perché dei clandestini non si rimandano indietro?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -