Giallo in Vaticano: ordine di distruggere le prime copie dell’eco-enciclica di Bergoglio

Qualche giorno fa, la Libreria editrice vaticana aveva ricevuto la copia originale del documento di Francesco sulla salvaguardia del Creato di cui al momento si conosce solo il titolo, «Laudato sii, sulla cura della casa comune», per procedere alle operazioni di stampa nelle diverse lingue. Ma poche ore dopo l’ inizio del processo di stampa è arrivato lo stop, oltre all’ordine di distruggere in ogni parte le copie fino a quel momento stampate in modo da cancellare ogni traccia di quella versione.

Come scrive il quotidiano Il Giorno, la perentorietà con cui è arrivato l’ordine fa pensare che alla base della decisione non ci siano piccoli errori da correggere, ma importanti modifiche che il Papa evidentemente intende apportare al testo. Il giallo resta. Che qualche intoppo ci fosse stato negli ultimi giorni si era capito anche dallo slittamento della data di uscita dell’ enciclica che gli addetti ai lavori dapprima conoscevano per il 16 mentre poi è stato comunicata ufficialmente quella del 18.

Intanto cresce l’ attesa per la prima enciclica verde di un Papa, cui Bergoglio ha voluto dedicarsi tra le prime cose, sentendo quello della salvaguarda dell’ ambiente e delle responsabilità dell’ uomo anche rispetto ai mutamenti climatici come un’ urgenza da affrontare e volendo anche incidere sugli esiti delle conferenze internazionali sul tema, come quella in programma a Parigi. LIBERO



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -