Mafia Capitale shock: inquinate le primarie del Pd, tessere comprate e “file di Rom”

Il Partito Democratico, quello che sventolava in faccia a Berlusconi e ai suoi “mafiosi” la bandiera della legalità, è pesantemente coinvolto nell’affaire Mafia Capitale. Persino le primarie sono state inquinate: tessere comprate e “file di rom” ai seggi, gli stessi rom provenienti dai campi gestiti da Salvatore Buzzi e Massimo Carminati. Per eleggere chi?

 

primarie-pd-roma

 

Come racconta Repubblica, “dietro le primarie del Pd a Roma si nasconde un vero e proprio racket, dove le clientele contano di più dei militanti: pacchi di tessere in bianco comprati dai capi bastone, pasta distribuita per votare un determinato candidato, file di rom ai circoli del Partito democratico romano”.

Eppure lo scandalo era già scoppiato nel 2013, quando Cristiana Alicata – componente critica della Direzione Nazionale del Pd – aveva denunciato su Facebook: “Le solite incredibili file di rom che quando ci sono le primarie si scoprono appassionatissimi di politica“.

primarie-pd

Alicata, che denunciava quanto accadeva nel seggio vicino al campo nomadi di Via Candoni (finito nell’inchiesta su Mafia Capitale, ndr), venne tacciata di razzismo e fu costretta a dimettersi.

Oggi le sue dichiarazioni assumono un contorno completamente diverso e premonitorio: chi sapeva ha volutamente creato terra bruciata attorno alla Alicata e il Partito Democratico non ha difeso l’unica che ebbe il coraggio di denunciare. Forse perchè i vertici del Pd romano erano pienamente coinvolti nell’inquinamento delle primarie? Ah, saperlo… 

L’unica a dar seguito alle parole di Cristiana Alicata fu l’attuale ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia, che parlò apertamente di “vere e proprie associazioni a delinquere sul territorio”, riferita alle correnti del suo stesso partito: “Nel Pd a livello locale e parlo di Roma facendo le primarie dei parlamentari ho visto, non ho paura a dirlo, delle vere e proprie associazioni a delinquere sul territorio.”

A gettare benzina sul fuoco ci ha pensato Il Fatto Quotidiano, che oggi scrive: “In quell’accampamento (campo nomadi di Via Candoni, ndr), nel 2013, la cooperativa 29 giugno di Salvatore Buzzi ha ottenuto una commessa da 86mila euro per la bonifica dell’impianto fognario.

Non c’è nessuna prova che colleghi i rom in fila ai presunti tentativi della cupola di inquinare le primarie. Rimangono però le anomalie denunciate alla commissione di garanzia del Pd in diversi seggi, poi cadute nel nulla.”

E c’era persino un tariffario: 10 euro per un voto al proprio candidato di fiducia, 20 per la tessera.

 Questo è stato il Pd romano. Con la complicità, ça va sans dire, dei piani alti.

Ma non era Berlusconi il problema dell’Italia?

INFILTRATO.IT



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -