Gradisca: frutteto saccheggiato dagli ospiti del Cara

Come ogni anno, con l’arrivo della bella stagione, il frutteto dell’azienda agricola Borgo Trevisan viene “saccheggiato” dagli immigrati, ospiti del vicino Cara di Gradisca.

L’episodio mette in evidenza la difficile convivenza fra la struttura per richiedenti asilo e il territorio. Trevisan non ne può più dei continui blitz nel suo frutteto, che si trova accanto al centro immigrati e si è rivolto ancora una volta alle istituzioni: non solo alla direzione del Cara, ma anche al sindaco di Gradisca, Linda Tomasinsig. «Ma ora contatterò direttamente il prefetto – dice -. Francamente sono deluso perché i miei continui appelli sono rimasti inascoltati.  Qualcuno deve ripetere loro quotidianamente che rubare da noi è sbagliato, così come lo è sporcare la città, o bivaccare sul fiume. Bisogna fare qualcosa, e questo possono farlo solo le istituzioni».

In zona non mancano anche le segnalazioni di furti di biciclette, che in alcuni casi sarebbero state ritrovate proprio nel piazzale antistante il Cara.



   

 

 

1 Commento per “Gradisca: frutteto saccheggiato dagli ospiti del Cara”

  1. Be date ogni tanto una bella fumata di pallini e vedrete che questi chiamiamoli clandestini delinquenti si accorgeranno che non è corretto rubare o distruggere la roba altrui, questo è il ringraziamento a una Nazione finora l’unica che li accolgono, tu vedi che nazione di m…a che siamo diventati grazie al PD compreso il venditore di fumo a colori.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -