Notte da incubo a Roma: 30enne sequestrato e violentato, arrestato sudanese

Ha offerto un passaggio a un ragazzo di 30 anni nei pressi della stazione Termini, poi lo ha rapinato insieme a dei complici e violentato. L’uomo, un sudanese di 36 anni, è stato fermato dalla polizia.

Tutto accade di sera. La vittima, un ragazzo di 30 anni, dopo aver trascorso la giornata a Roma con il suo compagno, è diretto al binario 16 della stazione Termini per prendere il treno e tornare a casa. Ma il suo treno è soppresso. Ed è qui che inizia il suo calvario come ha raccontato il giorno dopo ai poliziotti del commissariato Esquilino, diretto da Agnese Cedrone. Poco distante da lui infatti, un uomo ben vestito, con una stampella per aiutarsi a camminare, notando lo sconforto del ragazzo, gli si avvicina e gli offre un passaggio in macchina. Così, dopo aver accettato l’offerta dello sconosciuto i due, insieme ad altri due nord africani, si dirigono al parcheggio in via Giovanni Giolitti.

bergoglioUno dei tre si mette alla guida, mentre l’uomo con la stampella si siede sui sedili posteriori accanto al ragazzo. Poco dopo essere partiti il giovane, mentre risponde a una telefonata del compagno, si sente puntare un coltello al fianco dall’uomo con la stampella, che gli ‘consiglia’ di parlare tranquillamente e di rispondere che era tutto a posto ed era arrivato a destinazione. Arrivati in zona Pigneto, un forte colpo alla nuca gli fa perdere i sensi. Il 30enne si sveglia poco dopo a terra in un parco, con le mani e le caviglie legate, con un coltello puntato dall’uomo con la stampella, mentre gli altri due lo derubano dei soldi, del cellulare e di una carta di credito.

Viene minacciato con una pistola puntata alla tempia per avere i codici della carta, ma una volta appurato che non vi era alcuna disponibilità di denaro, i tre iniziano a violentare il ragazzo. Ripresosi dopo oltre un’ora, quando si accorge che i suoi aguzzini sono scappati, abbandona il parco e raggiunge un esercizio commerciale, dove contatta il compagno che lo raggiunge subito dopo. Insieme vanno al commissariato Esquilino per denunciare alla polizia l’accaduto. Scattano così le indagini: gli agenti riescono a risalire a un bar, in zona San Lorenzo, del quale il giovane aveva sentito parlare ai suoi aguzzini.

All’interno dell’esercizio commerciale il ragazzo riconosce un individuo, che aveva visto la sera precedente all’interno della stazione, intento a parlare con uno dei suoi sequestratori. Gli agenti riescono a risalire al cellulare, successivamente all’identità dell’uomo, e tramite la banca dati della polizia scientifica, ottengono una foto di M.Y., sudanese di 36 anni, che la vittima subito riconosce.

Il cellulare del 36enne viene localizzato nei pressi della stazione Termini e poco dopo gli agenti lo fermano in via di Santa Bibbiana. Addosso l’uomo ha un coltello e due lame per taglierino. Il sudanese, che secondo quanto ricostruito dalla polizia usava la stampella solo per fingersi inoffensivo, era pronto a lasciare la Capitale. Accompagnato negli uffici del Commissariato, al termine delle indagini l’uomo viene sottoposto a fermo di indiziato di delitto per sequestro di persona, rapina e violenza sessuale. Gli altri due complici sono ricercati.

adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -