Spagna: Podemos primo a Madrid e Barcellona

 

I primi dati degli scrutini, il 40%, danno Podemos primo a Madrid e Barcellona. In particolare Manuela Carmena otterrebbe Madrid, roccaforte di Rajoy, e Ada Colau a Barcellona. Con il 33,65% dei voti conteggiati nella capitale catalana, si legge su El Pais, Colau ha ottenuto 12 consiglieri. Ahora Madrid di Manuela Carmena ha ottenuto nella capitale 14,66%. In numeri assoluti il Psoe e’ il primo partito con il 26,18% dei voti.

Con le elezioni locali gli spagnoli hanno iniziato ad archiviare il bipartitismo Pp-Psoe, protagonista della vita politica iberica da meta’ degli anni ’70 alla fine della dittatura franchista. E’ un risveglio amaro per il premier spagnolo Mariano Rakoy: il suo Partito Popolare, coinvolto in scandali ma anche artefice delle misure di austerita’ che stanno risollevando il Paese, e’ ancora il primo con il 27,02% ma ha perso oltre 10 punti rispetto alle precedenti elezioni. Il Ppe perde molte citta’, a partire dalla capitale Madrid (dove anche qui’ e’ primo per un soffio), ed in molte regioni, dove se vorra’ continuare a governare dovra’ aprire a intese con altre formazioni, a partire dai liberali di Ciudadanos. Exploit confermato per Podemos, la formazione anti-austerita’ nata dal movimento degli Indignados, che e’ il primo partito a Barcellona, anche se sara’ complicato formare una colazione per guidare la citta’, e secondo nella capitale.

Pablo Iglesias, leader di Podemos, ha definito l’esito del voto come “il segno del cambiamento politico” e “l’inizio della fine del partitismo” in Spagna dove si sta vivendo “un cambiamento irreversibile” e preannuncia la sfida al Partito Popolare del premier Rajoy alle politiche di novembre. Male, ma senza sprofondare, i socialisti del Psoe al 25,02, due punti in meno rispetto al 2011, che in molti comuni potra’ essere co-protagonista per formare coalizioni con Podemos. A Siviglia governeranno i socialisti, a discapito del Pp, mentre a Valncia, i popolari, dove erano al potere da soli, dovranno aprire ad altre formazioni. Il voto ha anche sancito la sconfitto della sinistra di Izquierda Unida. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -