In fuga dall’Isis le tre ragazze inglesi partite per la Siria a febbraio

 

L’Isil dà la caccia a tre ragazze britanniche fuggite da Raqqa e sposate a dei militanti. Lo riferisce un blogger iracheno e Londra cerca di verificare se si tratta delle tre adolescenti scappate a febbraio e le cui tracce portavano in Siria, attraverso la Libia.

L’anonimo blogger che gestisce il “Mosul eye” ha affermato di non essere in grado di verificare se le ragazze in questione siano le stesse.

Kadiza Sultana, Amira Abase e Shamimi Begum, questi i nomi delle tre ragazze erano fuggite di casa per unirsi al sedicente Stato islamico.

Quando sono partite avevano detto alla famiglia che avrebbero passato fuori la giornata e, nonostante il riserbo sulle indagini, si ritiene che per pagarsi il viaggio avessero sottratto i gioielli dei loro genitori.

Il governo britannico non fa sapere, al momento, se le tre potrebbero rientrare o meno a casa. Alcuni cittadini che hanno lasciato il Regno Unito per raggiungere organizzazioni terroristiche vengono considerati pericolosi e indesiderati.

I rientri vengono valutati “caso per caso” dalle autorità britanniche.

Sono già diversi coloro che sono fuggiti dallo Stato islamico perché “non hanno trovato ciò che pensavano”.

Di Alfredo Ranavolo



   

 

 

1 Commento per “In fuga dall’Isis le tre ragazze inglesi partite per la Siria a febbraio”

  1. Poverine…
    Accogliamole a braccia aperte…

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -