Scontri armati in Macedonia, arriva una nuova “rivoluzione colorata”?

 

La tensione e’ salita pericolosamente in Macedonia, dove ingenti forze di polizia cercano di neutralizzare un gruppo armato di 70-80 uomini infiltratisi in un quartiere periferico di Kumanovo, citta’ del nord del Paese balcanico al confine con Serbia e Kosovo, nascondendosi in case disabitate e edifici diroccati.

Sull’identita e la provenienza degli uomini armati non si hanno particolari. Il portavoce del ministero dell’interno Ivo Kotevski si e’ limitato a dire che il ‘gruppo terroristico’ e’ penetrato illegalmente in Macedonia da un non meglio precisato ‘paese vicino’. A parere di molti si tratterebbe del Kosovo (a stragrande maggioranza di popolazione albanese), anche perche’ un giornale di Pristina ha riferito oggi che negli scontri armati a Kumanovo sarebbero coinvolti anche cittadini kosovari.

Preoccupazione per gli scontri armati in Macedonia, suscettibili di destabilizzare la situazione nell’intera area balcanica, e’ stata ostentata da Osce e Ue, che hanno lanciato appelli alla calma e alla prudenza. Assurdo, stanno dalla parte di chi accende le micce e poi esortano alla prudenza!!

Il leader dell’opposizione macedone è Zoran Zaev, la solita marionetta occidentale in chiave anti-Russia che varie volte ha già tentato di innescare la solita “rivoluzione colorata” ai danni del primo ministro Nikola Gruevski, troppo favorevole al progetto di Gazprom e più in generale troppo filo-russo. Lo scenario è quello che abbiamo già visto in Ucraina. Anche i personaggi che tirano le fila sembrano essere gli stessi, non escludendo la pericolosissima Victoria Nuland e il sicario economico Soros, così caro ai radicali italiani.

Soros alla CNN: “ho giocato un ruolo importante negli eventi in Ucraina”

Soros: “e’ VERO, ho finanziato il colpo di stato in Ucraina”

Ungheria: ci sono Soros e le multinazionali dietro le proteste contro Orban

Nel video potete vedere i buffoni filo USA-UE che fingono di sfidare la polizia, ma in realtà sono piu’ interessati a farsi i selfie

Gli eventi a Kumanovo altro non fanno che aggravare ulteriormente la gia’ critica situazione politica in Macedonia, dove da giorni migliaia di persone manifestano nella capitale Skopje e in altre citta’ contro il governo conservatore e chiedono le dimissioni del premier Nikola Gruevski, accusandolo di aver ordinato intercettazioni su esponenti dell’opposizione, giornalisti, diplomatici, religiosi.

Una grande manifestazione antigovernativa in chiave filo-occidentale (e anti-russa) con vasta mobilitazione popolare e’ stata indetta per il 17 maggio prossimo.

macedonia



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -