Australia, giovani emigrati italiani sfruttati e trattati come schiavi

Niente hotel con piscina e wifi. Lavorano durante la notte fino a 11 ore, sono sottopagati e spesso vittime di molestie e violenze. La denuncia arriva da un programma tv

cipolle

Partiti inseguendo il sogno di una vita migliore, ridotti a lavorare in condizioni di schiavitù nelle piantagioni australiane. È la triste realtà di tanti giovani italiani che, in tempi di crisi, hanno deciso di abbandonare tutto per cercare fortuna all’estero. Una storia che scorre parallela a quella dei tanti immigrati che lavorano nei campi del nostro Paese. A denunciare questo sfruttamento è il programma televisivo australiano “Four Corners”, la cui inchiesta è stata ripresa oggi dal Corriere della Sera.

In molti sono costretti a lavorare con orari estenuanti, sono sottopagati e diventano bersaglio di molestie e persino di abusi sessuali. Il motivo è che, per ottenere il rinnovo del visto per il secondo anno, gli immigrati temporanei devono dimostrare di aver lavorato per tre mesi nelle zone rurali del Paese. Una clausola che li rende facilmente vulnerabili a ricatti e truffe.

Attualmente sono oltre 15.000 i giovani connazionali presenti in Australia. “In un solo anno ho raccolto 250 segnalazioni sulle condizioni che si trovano ad affrontare”, spiega Mariangela Stagnitti, presidente del Comitato italiani all’estero di Brisbane. “Alcune erano terribili”. Come quelle di due ragazze in un’azienda che produceva cipolle rosse: turni dalle sette di sera alle sei del mattino, senza pause neanche per andare in bagno. Il tutto, spesso, senza tutele assicurative.

Il problema è che sono pochissimi quelli che trovano il coraggio di denunciare lo sfruttamento al Dipartimento per l’Immigrazione. “Tanti mi dicono che ormai sono abituati”, continua Stagnitti. “Anche in Italia, quando riuscivano a lavorare, lo facevano spesso in nero e sottopagati”. Così finiscono per fare quei lavori che gli australiani non vogliono più fare.

Negli scorsi giorni il Governo australiano ha annunciato che modificherà il regolamento per il visto provvisorio “Vacanza lavoro”: la forma di volontariato nelle aziende agricole in cambio di vitto e alloggio non darà più la possibilità del rinnovo per il secondo anno. Resta però da capire cosa potranno fare i giovani che vogliono rimanere a lavorare in Australia. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -