Renzi al PD: “Stiamo scrivendo la storia del Paese”

renzi2

 

Matteo Renzi aspetta il voto finale dell’Italicum per mettersi in contatto con i suoi e festeggiare alla sua maniera: complimentandosi per il lavoro fatto in Aula e rilanciando l’impegno a cambiare il Paese. “Sono orgoglioso della vostra Fiducia e del fatto che la Politica si sia mostrata finalmente all’altezza delle sfide”, dice il presidente del consiglio a chi lo sente nei minuti immediatamente successivi al voto: “Siete voi il cambiamento che stavamo aspettando, state scrivendo una pagina storica per il Paese“, aggiunge Renzi.

Il voto sull’Italicum, tuttavia, ha visto consumarsi in Aula un nuovo strappo, potenzialmente definitivo, tra la minoranza e la maggioranza renziana.
L’interpretazione dei numeri in campo cambia in base a chi cerca di leggere il risultato del voto segreto. Per la minoranza che ha scelto la strada del ‘no’ all’Italicum si tratta di una vittoria: “L’area complessiva del dissenso e’ arrivata a una settantina, se si calcolano anche gli assenti”, spiega un esponente della sinistra Pd: “Di questi, una sessantina possono essere del Pd”.

Pierluigi Bersani, tuttavia, definisce il risultato alla Camera, “un dato politico”. Parole che vengono lette come una volonta’ di portare avanti la battaglia per modificare il ddl Boschi. Una possibilita’ stigmatizzata immediatamente dal presidente Pd Matteo Orfini: “Il superamento del bicameralismo perfetto era nel programma del centro sinistra dai tempi di Prodi. Ripartire da zero sarebbe, non solo un errore, ma una tragedia”.



   

 

 

1 Commento per “Renzi al PD: “Stiamo scrivendo la storia del Paese””

  1. Claudio Franza

    Slogan pirotecnici! Tolti gli slogans rimane il quadro di una Italia in continuo peggioramento nei suoi parametri economici. Tante promesse per il futuro ma nessuna credibile constatando la realtà dei fatti. Un ennesimo politico quaquaraquà. .

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -