Belgio: musulmani chiedono un ”piano urbanistico di moschee”

moschea

 

Quattro intellettuali musulmani belgi hanno presentato un decalogo di proposte per contribuire alla creazione di un “islam moderno e europeo” che contrasti l’estremismo. Lo riferisce il quotidiano “La Libre Belgique”.

Strano: il corano è uno e tutti i musulmani lo seguono, lo studiano e lo applicano alla lettera, da sempre. Ora come è possibile fare riferimento ad un islam moderato diverso dall’islam fondamentalista tradizionale?

Il decalogo e’ contenuto in una lettera aperta, firmata da Ismael Saidi (attore e autore dell’opera teatrale “Jihad”) Tewfik Sahih (scrittore, poeta e professore universitario) Zehra Gnaydin (ex membro dell’Esecutivo dei musulmani in Belgio) e Michael Privot. Tra le proposte, un ‘piano urbanistico di moschee’, la formazione accademica degli imam e l’obbligo per loro di predicare nella lingua del Paese che li ospita.

Si parla inoltre di “moschee pilota” per promuovere un islam pacifista, inclusivo e egualitario. Il decalogo chiede anche la creazione di un fondo per finanziare la produzione di traduzioni e opere per avvicinare l’islam alla popolazione e per incentivare gli scambi internazionali tra moschee e universita’ islamiche. I quattro intellettuali chiedono anche un corso di storia delle religioni nelle scuole. In Belgio vivono circa 600.000 musulmani.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -